Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto power park San Paolo (P3): normativa di riferimento e iter procedurale necessario alla esecuzione dell'impianto cogenerativo - trigenerativo alimentato a turbogas in ciclo semplice

In un quadro di riferimento globale, critico per l'economia, l'ambiente e l'energia, la ricerca di soluzioni tecnologiche avanzate che possano favorire lo sviluppo dell'occupazione, la salvaguardia dell'ambiente ed, in generale, la crescita di un paese, è divenuta una prerogativa comunitaria.
D'altro canto le crescenti problematiche legate all'approvvigionamento energetico che sono spesso oggetto di disputa geopolitica, comportano una vera e propria gara alla ricerca delle fonti carbosiderurgiche mentre, la salvaguardia dell’ambiente, in passato sottovalutata, è divenuta sempre più importante ed ha generato un crescente sviluppo delle tecnologie ad alta efficienza, che sono per definizione meno inquinanti.
In questo ambito s’inserisce la cogenerazione, che appare allo stato attuale una delle tecnologie più innovative ed efficienti per un uso razionale dell’energia poichè permette di realizzare una contemporanea produzione di energia elettrica e calore sfruttando in maniera ottimale l’energia primaria contenuta nel combustibile. In virtù di queste peculiarità, il Parlamento Europeo ha riconosciuto l’importanza della cogenerazione ai fini del raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di Kyoto e ha incluso tra le proprie priorità la definizione di normative volte a favorire la diffusione progressiva di un’efficace produzione combinata di energia elettrica e calore.
Il presente lavoro riguarda l'iter tecnico-normativo necessario alla esecuzione del progetto preliminare “power park San Paolo (P3)” sito in Bari, per la riqualificazione urbana del quartiere S. Paolo.
Il centro in questione si prevede disporrà di :
• un impianto per la produzione di energia elettrica e termica centralizzata in modalità cogenerativa o trigenerativa a seconda degli scenari ossia: centrale cogenerativa abbinata al teleriscaldamento alimentata a turbogas in ciclo semplice con recupero di calore, e/o eventuale presenza dei chiller (macchine ad assorbimento in trigenerazione);
• un impianto per la produzione di energia elettrica da fonte solare (creazione del centro direzionale AMGAS ed installazione di 600 m2 di pannelli fotovoltaici);
• un impianto per la produzione e distribuzione di idrogeno, generato mediante steam reforming, per autotrazione pubblica (impianto produttivo di idrogeno atto a rifornire giornalmente una flotta di circa 30 autobus).
In precedenza si sono effettuate le analisi di fattibilità tecnico-economica, pertanto le considerazioni che hanno portato alla scelta di tali soluzioni non saranno oggetto della presente

Mostra/Nascondi contenuto.
PROGETTO POWER PARK: ITER NORMATIVO 1 - INTRODUZIONE. In un quadro di riferimento globale, critico per l'economia, l'ambiente e l'energia, la ricerca di soluzioni tecnologiche avanzate che possano favorire lo sviluppo dell'occupazione, la salvaguardia dell'ambiente ed, in generale, la crescita di un paese, è divenuta una prerogativa comunitaria. D'altro canto le crescenti problematiche legate all'approvvigionamento energetico che sono spesso oggetto di disputa geopolitica, comportano una vera e propria gara alla ricerca delle fonti carbosiderurgiche mentre, la salvaguardia dell’ambiente, in passato sottovalutata, è divenuta sempre più importante ed ha generato un crescente sviluppo delle tecnologie ad alta efficienza, che sono per definizione meno inquinanti. In questo ambito s’inserisce la cogenerazione, che appare allo stato attuale una delle tecnologie più innovative ed efficienti per un uso razionale dell’energia poichè permette di realizzare una contemporanea produzione di energia elettrica e calore sfruttando in maniera ottimale l’energia primaria contenuta nel combustibile. In virtù di queste peculiarità, il Parlamento Europeo ha riconosciuto l’importanza della cogenerazione ai fini del raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di Kyoto e ha incluso tra le proprie priorità la definizione di normative volte a favorire la diffusione progressiva di un’efficace produzione combinata di energia elettrica e calore. Il presente lavoro riguarda l'iter tecnico-normativo necessario alla esecuzione del progetto preliminare “power park San Paolo (P 3 )” sito in Bari, per la riqualificazione urbana del quartiere S. Paolo. Il centro in questione si prevede disporrà di : • un impianto per la produzione di energia elettrica e termica centralizzata in modalità cogenerativa o trigenerativa a seconda degli scenari ossia: centrale cogenerativa abbinata al teleriscaldamento alimentata a turbogas in ciclo semplice con recupero di calore, e/o eventuale presenza dei chiller (macchine ad assorbimento in trigenerazione); • un impianto per la produzione di energia elettrica da fonte solare (creazione del centro direzionale AMGAS ed installazione di 600 m 2 di pannelli fotovoltaici); • un impianto per la produzione e distribuzione di idrogeno, generato mediante steam reforming, per autotrazione pubblica (impianto produttivo di idrogeno atto a rifornire giornalmente una flotta di circa 30 autobus). In precedenza si sono effettuate le analisi di fattibilità tecnico-economica, pertanto le considerazioni che hanno portato alla scelta di tali soluzioni non saranno oggetto della presente. 1.1 - Impieghi presenti e futuri. La produzione combinata di energia elettrica e calore (cogenerazione) trova applicazione sia in ambito industriale, soprattutto nell’autoproduzione, sia in ambito civile. Il calore che, per evitare costi e perdite eccessive, non può essere trasportato per lunghe distanze, viene utilizzato, nella forma di Pagina 5 di 209

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonio De Bonis Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 565 click dal 26/06/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.