Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La consultazione nel processo decisionale delle autorità indipendenti

Il presente lavoro ha lo scopo di analizzare un aspetto emergente negli attuali sistemi demografici, specificatamente la consultazione nei processi decisionali delle autorità indipendenti, inoltre, verrà preso in esame il principio sussidiario come paradigma politico e sociale. Si procederà a tale analisi partendo dalle direttive europee contenute nel libro bianco della governance del 2001, in seguito si prenderà in esame la legge n 241/90 di riforma del sistema amministrativo soffermandoci in particolar modo sull'analisi di impatto della regolamentazione. In ultimo verrà preso in esame il principio di partecipazione del cittadino al processo decisionale delle authorities. In particolare ci si soffermerà sulle esperienze di consultazione nel processo decisionale dell'autorità per le garanzie nelle comunicazioni, la Consob e l'autorità per l'energia ed il gas

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE. Il presente lavoro ha come obiettivo quello di analizzare l’esercizio della funzione di regolazione da parte dei pubblici poteri, che solleva questioni decisive, nel quadro delle trasformazioni degli attuali sistemi democratici. L’aumento della richiesta di regolazione sociale in settori fondamentali per la convivenza civile (l’economia, i mass media, i rapporti internazionali, e così via) in quest’epoca caratterizzata dal fenomeno della globalizzazione, ha prodotto un gap tra la domanda sociale e la capacità dei governi di rispondere con politiche efficaci. Conseguenza di tutto ciò è stata la formazione di nuovi modelli di governance caratterizzati dalla presenza del potere non più incentrato nelle mani di un solo attore centrale, bensì diffuso tra attori pubblici e privati, sociali ed economici, tra loro indipendenti e nessuno dei quali in una posizione di assoluto predominio. Tale circostanza ha fatto riscontrare un cambiamento nei rapporti tra società civile e istituzioni pubbliche. Si è reso pertanto necessario, un mutamento delle stesse forme di democrazia che si trovano ad affrontare una crisi di governabilità, di rappresentanza, di partecipazione e quindi di legittimità. E’ necessario pertanto pensare a nuove forme di partecipazione che coinvolgano anche le forze civili, “ ridefinire modalità di coinvolgimento collettivo che tendano a includere, nel contempo, movimenti e forze di diversa natura presenti nella società. Nascono così nuove istituzioni e si modificano i processi decisionali. La novità più interessante è sicuramente costituita dal fenomeno delle Autorità indipendenti. Come è noto i maggiori archetipi delle Autorità amministrative indipendenti si ritrovano nei sistemi giuridici di common law, e specialmente, in Gran Bretagna dove nascono e si sviluppano nella prima metà del XIX secolo: poi si affermano negli Stati Uniti d’ America, soprattutto a livello

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuele Donadel Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 631 click dal 16/06/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.