Skip to content

Assessing Central and Eastern European Countries’ Viability of Euro Adoption According to the Theory of Optimum Currency Areas

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Borrini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Rossella Bardazzi
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 227

The successful accession to membership in the European Union (EU) by the economies from the Central and Eastern Europe Countries (CEECs) in 2004 and 2007 threw up a main challenge: the introduction of the euro as their national currency. The eastward expansion of the euro area is an unavoidable issue since the CEECs will not be able to stay outside the European Monetary Union (EMU) as has been the case with the several countries of Western and Northern Europe (i.e. Denmark and the United Kingdom). Nevertheless, entry into the EU does not guarantee immediate acceptance into the monetary union because the CEECs have to join the Exchange Rate Mechanism and, eventually at least two years after their participation, comply with the Maastricht criteria.
The thesis aims at checking the CEECs’ fulfillment not only of the nominal (fiscal and financial) criteria set forth in the Maastricht convergence parameters but also of the real and structural requirements requested by the Optimum Currency Area (OCA) test for answering the question of the suitability of the CEECs for a single currency.
First, the work attempts to delineate what is an optimum currency area by breaking down into more understandable pieces the complex notion of optimum currency area. This is assured by a comprehensive survey of the “history” of OCA theory as well as a robust analysis of the criteria set out in it.
Second, a specific focus is devoted to the road the CEECs rode toward the final objective of EMU participation, i.e. the historical path that carried the CEECs from the release from the Soviet economic bloc to the first forms of economic relation with western Europe.
Third, the dissertation makes the point about the economic situation of the CEECs at the time of their EU accession and the developments made in the period 2004-2006 by putting together the main benefits and costs stemming from euro area participation.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Opening Remarks Question: Are the ten new EU members from central and eastern Europe appropriate and ready for adopting the euro? . Answer: Let us take as benchm ark the theory of optimum currency areas in order to gauge that! The successful accession to m embership in the European Union (EU) by the economies from the Central and Eastern Europe Countries (CEECs) in 2004 and 2007 threw up a main challenge: the introduction of the euro as their national currency. The eastward expansion of the euro area is an unavoidable issue since the CEECs will not be able to stay outside the European Monetary Union (EMU)1 as has been the case with the several countries of Western and Northern Europe (i.e. Denmark and the United Kingdom). Nevertheless, entry into the EU does not guarantee immediate acceptance into the monetary union because the CEECs have to join the Exchange Rate Mechanism and, eventually at least two years after their participation, comply with the Maastricht criteria. This work aims at checking the CEECs fulfillment not only of the nominal (fiscal and financial) criteria set forth in the Maastricht convergence parameters but also of the real and structural requirements requested by the Optimum Currency Area (OCA) test. Thus for answering the question of the suitability of the CEECs for a single currency, the OCA theory offers several assessment criteria. The fundamental assumption underlying the OCA theory is the following: what are the main costs and benefits of giving up the exchange rate tool when two or more countries decide to constitute a monetary union? The OCA theory has identified the conditions under which a monetary union between countries (in our case, the present euro area members and the CEECs) work smoothly. When countries are hit by different disturbances (asymmetric shocks), the adjustment process requires that real exchange rates adjust. Since countries forming a monetary union decide to fix their real exchange rates, in the absence of real exchange rate adjustability, there 1 It was one of the EU-accession criteria specified in the 1993 Copenhagen Council which explicitly stated that new EU members will have to ... take on the obligations o f membership, including (...) the Economic and Monetary Union meaning that no opt-out provision exists for the CEECs.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

balassa-samuelson
central
copenhagen
currency
eastern
euro
europe
european monetary union
exchange rate
kenen
krugman
labour mobility
maastricht
mundell
optimum currency area
politica economica europea
price flexibility
trade openness

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi