Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Proverbi e locuzioni idiomatiche nei "Promessi Sposi"

Forse poco nota perché poco studiata dalla critica letteraria, la presenza dei proverbi nei "Promessi Sposi" di fatto costituisce un elemento irrinunciabile nell’economia del romanzo.
Dopo aver presentato a grandi linee il genere letterario del proverbio e la sua fortuna nella letteratura romantica, questo studio, prendendo le mosse da un postillato inedito manzoniano di recente scoperta – e qui trascritto integralmente in appendice –, si propone di esaminare la presenza paremiologica nell’opera manzoniana, attraverso la compilazione e il commento di un catalogo di tutti i proverbi che vi compaiono (popolari, colti, biblici, di neo-formazione…), senza tralasciare un ritratto dei personaggi che li pronunciano e che, in certo qual modo, da essi vengono ulteriormente caratterizzati.
Si vuole così proporre un’ulteriore e finora inedita chiave di lettura e di accesso al capolavoro manzoniano.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il 2004 è stato un anno fortunato per il proverbio. L’uscita di un’opera monumentale quale il Dizionario dei Proverbi, di Valter Boggione e Lorenzo Massobrio 1 , con le sue 922 pagine e i suoi 30 mila proverbi di ogni regione italiana, organizzati per temi, ha segnato quasi la resurrezione di un genere, ammesso che ce ne fosse bisogno. La stampa non è rimasta ad osservare in silenzio, ma da più parti ha salutato compiaciuta l’evento. Sul Corriere della Sera del 29 aprile, Sebastiano Vassalli si domanda: ‹‹I proverbi hanno un futuro? Chissà. Certamente hanno un passato. Un grande, immenso passato che ora ha il suo monumento nel Dizionario dei Proverbi di Valter Boggione e Lorenzo Massobrio›› 2 . Dal monumento, si passa al ‹‹museo di parole - e di cose, fatti, personaggi raccontati dalle parole››, secondo la definizione che del Dizionario dà Enzo Golino sulle pagine dell’Espresso, affermando così anch’egli il carattere di passato del genere proverbio e, per dirla con lo stesso Boggione, il ‹‹“senso di nostalgia” per forme d’espressione colte e popolari coniate dalla fantasia dei parlanti e ormai sigillate al passato›› 3 . TuttoLibri, inserto settimanale di approfondimento culturale della Stampa, il 5 giugno dedica addirittura la sua prima pagina alla pubblicazione del nostro Dizionario, con un ampio articolo di Gian Luigi Beccaria, ricco di citazioni proverbiali in dialetto, dall’ammiccante titolo: Il proverbio è sempre in forma 4 ; corredato da tanto di immagine provocante di 1 Dizionario dei proverbi. I proverbi italiani organizzati per temi, a c. di Valter Boggione e Lorenzo Massobrio, Torino, UTET, 2004. 2 S. VASSALLI, Proverbi, la saggezza in pillole, in Corriere della Sera (Milano), 29.IV.2004. 3 E. GOLINO, Parole proverbiali, in L’espresso (Roma), 20.VIII.2004. 4 G. L. BECCARIA, Il proverbio è sempre in forma, in ttL, supplemento al numero de La Stampa (Torino), 5.VI.2004. 5

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudio Cianfaglioni Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4954 click dal 23/06/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.