Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mussolini alla conquista del potere

Mussolini alla conquista del potere

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Il tema che ho deciso di trattare in questa tesi è Benito Mussolini, l’uomo politico che divenne dittatore del Regno d’Italia, prima, e della Repubblica Sociale Italiana, poi. La mia scelta è stata dettata dalla curiosità verso il carattere e le scelte di un personaggio controverso che ebbe, nonostante tutto, il merito di attuare riforme positive in campo sociale contribuendo, così, al progresso di un paese. Allo stesso, tuttavia, vanno imputate anche dolorose responsabilità a causa dei metodi dittatoriali, spesso violenti ed illiberali, che hanno dato vita ad un regime politico - militarista - coloniale che è sfociato in una condotta politico – sociale di oppressione nei confronti del popolo italiano e delle popolazioni dei paesi colonizzati dall’impero e, nella peggiore tragedia che la storia politica del nostro paese possa ricordare : l’alleanza con Adolf Hitler. L'Italia, infatti, nel primo dopoguerra era un paese travagliato da gravi conflitti interni misti a fermenti politici e sociali. In questo quadro politico - sociale si delineò un movimento partitico che diede vita ad idealismo che influenzò la storia di buona parte del Novecento: il fascismo, il cui leader indiscusso fu Benito Mussolini, che abbracciò una politica di violenza e di aggressione. Nonostante ciò, la nuova ideologia del fascismo ottenne crescenti consensi dai ceti medio alti, spinti dal timore di una possibile rivoluzione dai tenori simili a quella bolscevica. Il fascismo faceva appello al principio della superiore "unità nazionale", ovvero l'esaltazione di un ipotetico primato nazionale da raggiungere non più nel segno della politica liberale, che aveva caratterizzato tutto il periodo del Risorgimento e la storia post-unitaria, bensì attraverso un esplicito rifiuto degli ideali democratici e una vigorosa difesa della "diseguaglianza irrimediabile e benefica degli 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giuseppe Rocca Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2992 click dal 24/06/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.