Skip to content

Scenari di inondazione del litorale Emiliano-Romagnolo nell'ambito dei previsti cambiamenti climatici

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Bevilacqua
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Barbara Zanuttig
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 187

Com’è noto il livello del mare è sempre stato protagonista di oscillazioni di varie entità e velocità nella storia della Terra. Queste sono la diretta conseguenza dell’interazione tra elementi antropici e fenomeni di diverso tipo. Recenti studi, tuttavia, segnalano come l’attuale squilibrio energetico indotto dall’uomo stia spingendo verso inquietanti prospettive di cambiamento del livello dei mari. Attualmente gran parte delle piane costiere italiane risulta soggetta al rischio di allagamento per ingressione marina e, nello specifico, per l'area costiera Emiliano-Romagnola non è ipotizzabile che i fenomeni erosivi e/o di arretramento e di trasformazione fisica in atto possono invertirsi; anzi, in molti casi, si potrà assistere ad un loro possibile. Per poter prevenire effetti catastrofici, o anche solo mantenere un livello di benessere e di sussistenza adeguati, diviene perciò strategico poter comprendere quali scenari climatici e morfologici aspettano le nostre coste nel futuro.
Scopo di questo studio è, perciò, quello di contribuire alla valutazione della probabilità di ingressione del mare nel territorio regionale, come diretta conseguenza dei previsti cambiamenti climatici.
Si è valutata perciò la frequenza di allagamento possibile che ci si deve attendere al variare dell'indice di pericolosità, in un arco di tempo di 5 anni, l'estensione dell'area di allagamento, nota l'altimetria, e la velocità di propagazione dell'inondazione.
i deve attendere al variare dell'indice di pericolosità (hazard index) individuato?
Gli strumenti utilizzati sono stati dedotti da studi idrodinamici e probabilistici che hanno permesso di simulare, in riferimento dallo schema idraulico del crollo di diga su letto asciutto, l'inondazione delle aree costiere Emiliano-Romagnole a rischio molto elevato.
Quello che è emerso è che la fascia costiera esaminata ha un elevato grado di vulnerabilità rispetto al fenomeno dell’ingressione marina a causa, non solo di frequenti mareggiate che determinano erosione delle spiagge e allagamento delle aree di retro spiaggia, ma anche per effetto dei cambiamenti climatici. Questo pone, quindi, sul medio-lungo periodo, problemi di pianificazione e gestione del rischio non solo in relazione all’aumento della intensità e della frequenza degli eventi meteorologici estremi, ma anche in relazione a modifiche lente e spesso irreversibili della disponibilità di risorse naturali, degli assetti del territorio e delle coste, degli equilibri ecosistemici naturali e della biodiversità.
In questo scenario, il fenomeno della propagazione del moto ondoso, schematizzato col dam break, ha evidenziato che nell’entroterra del tratto costiero compreso tra Lido degli Estensi e Lido di Spina (R5) e del tratto relativo a Lido delle Nazioni (T2), entrambi risultati ad elevata probabilità d’igressione perché privi di difese, il processo di ingressione marina si presenta, estremamente rapido con tiranti idrici rispettivamente di 13 cm (R5) e 9 cm (T2) ed un'estensione di 20 km e 17,5 km ogni ora. L’analisi, che evidenzia la sensibilità dei modelli di calcolo ha evidenziato, però, esistono una serie di carenze nella conoscenza dei fenomeni relativi all’allagamento marino che si riflettono in ipotesi di calcolo molto restrittive, costituendo i punti deboli del modello. Ciò premesso, le scelte fatte appaiono al momento come le più credibili ed affidabili

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Com’è noto il livello del mare è sempre stato protagonista di oscillazioni di varie entità e velocità nella storia della Terra. Queste sono la diretta conseguenza dell’interazione tra elementi antropici e fenomeni di diverso tipo (naturali, climatici, geologici, astronomici, tettonici…) spesso difficilmente discriminabili e quantificabili, caratterizzati da magnitudo e velocità molto diverse tra loro; ricordiamo, per esempio, lo scioglimento delle grandi calotte continentali, la subsidenza, la morfologia e lo stato della linea di costa in termini di processi erosivi, la presenza di aree depresse, le caratteristiche dei fondali antistanti, ecc…. Recenti studi, tuttavia, segnalano come l’attuale squilibrio energetico indotto dall’uomo stia spingendo verso inquietanti prospettive di cambiamento del livello dei mari. Infatti, l’accelerazione dei naturali trand di sollevamento concorre a modificare negativamente l’attuale assetto delle coste (si prevede un arretramento verso terra dell’attuale linea di riva), e dei suoi habitat e quindi, in generale, anche delle attività economiche direttamente connesse alla costa stessa. Attualmente gran parte delle piane costiere italiane risulta soggetta al rischio di allagamento per ingressione marina e, nello specifico, per l'area costiera Emiliano-Romagnola non è ipotizzabile che i fenomeni erosivi e/o di arretramento e di trasformazione fisica in atto possono invertirsi; anzi, in molti casi, si potrà assistere ad un loro possibile aggravamento. Per poter prevenire effetti catastrofici, o anche solo mantenere un livello di benessere e di sussistenza adeguati, diviene perciò strategico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arretramento linea di riva
cambiamenti climatici
fascia costiera emiliano-romagnola
idraulica marittima
ingressione marina
inondazione
inondazioni
pericolosità
problema di reimann

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi