Skip to content

Identità tautologica dell'arte

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Chiappini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Accademia di belle arti di Brera
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: COBASLID, CL. A021 Discipline Pittoriche
  Relatore: Marco Dallari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

L’opera d’arte, la sua costruzione e la sua fruizione si sono evoluti nel tempo. A dimostrarlo ne è la storia stessa, riportata anche dai più comuni manuali.
Meno evidente, però, è stata la fondamentale volta concettuale che l’arte ha imboccato, a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, e che ancora oggi segue una sua propria evoluzione. Uno spostamento che ha portato l’arte sulla strada dell’indagine analitica, rendendola autonoma sia da un punto di vista estetico che da un punto di vista formale. Ciò a cui si assiste, in epoca moderna, è quindi il sottile disgregarsi dei canoni della tradizione figurativa e plastica, una lenta erosione che ha i suoi mentori riconosciuti in Renè Magritte e Marcel Duchamp. Una veloce implosione che, in poco più di cinquant’anni, ha portato il fare arte ad una radicale implosione su sé stessa, mentre Pavel Florenskij, tra il 1923 ed il 1924, inizia la sua personale indagine analitica alla ricerca di un limite estetico entro cui definire l’arte, dove la purezza è data dalla sua stessa ragione di essere arte.
E’ in questo solco che fa la sua comparsa la tautologia, come concetto estetico, come proposizione artistica ben definita, come atteggiamento concettuale precipuo, come nuovo modo di costruire l’arte. In particolare, la tautologia diventa cifra stilistica e vera e propria poetica di due artisti che, seguendo modalità diverse, seguono entrambi la corrente concettuale: Joseph Kosuth e Luciano Fabro. Tautologia diventa, così, un mezzo per leggere il reale ed il contemporaneo, i suoi spazi ed il suo tempo, la sua lingua e la sua sintassi e, non da ultimo, la relazione che lo spettatore, fruitore dell’opera istituisce con l’opera stessa. Due riflessioni, due produzioni e due atteggiamenti mentali paralleli ma sostanzialmente diversi, a partire dai materiali utilizzati; eppure, proprio partendo dalle opere di questi due artisti, può essere individuata una linea di declinazione nel presente che, ancora oggi, segue una propria evoluzione, a partire dalle opere di Claudio Parmiggiani, Giulio Paolini, Thomas Struth, Alighiero Boetti, Gerard Richeter, Anish Kapoor, e molti altri.
Il nuovo millennio, però, vede anche un’evoluzione storica fondamentale, legata ai mutati metodi di fruizione resi possibili dall’introduzione, nell’arte, dei media e delle innovazioni tecnologiche. L’arte nell’era digitale, nell’era del World Wide Web, si evolve abbandonando in molti casi l’interpretazione tautologica delle origini e sviluppa, invece, quella che Nicolas Bourriaud definisce estetica relazionale. Fulcro dell’indagine analitica di stampo concettuale è, allora, il rapporto tra arte e realtà, tra spazio della fruizione e fruizione stessa, ma soprattutto tra fruitori e fruitori all’interno di un opera d’arte che ha ormai infranto i canoni stessi dell’esporre stesso. L’attività del Palais de Tokyo, a Parigi, diventa emblema di questo rinnovato spirito artistico, di una nuova concezione di spazio come luogo in cui la creatività artistica scaturisca dalla stessa interazione che si instaura tra l’opera ed il pubblico, e tra il pubblico e gli artisti. Si comprende, così, anche la tendenza di molti artisti contemporanei come Rirkrit Tiravanija, Patrick Tuttofuoco , Mattew Barney, Martin Creed e Matteo Rubbi ad usare il corpo, i suoi limiti e le sue forze, come strumento creativo, veicolo per la produzione artistica stessa.
La tautologia, la riflessione relazionale sull’arte, il rapporto tra allenamento mentale ed allenamento fisico, sono tutte declinazioni di un medesimo atteggiamento di indagine analitica dell’arte stessa e, in particolare, del suo rapporto con il reale. Un reale che oggi entra a far parte dell’opera, né è pretesto, paradigma e principio generatore. Un reale che, nella globalizzazione culturale ed artistica ha trovato comunque le sue particolari cifre stilistiche e le sue peculiarità espressive.
Le vie del concettuale hanno preso oggi derivazioni differenti da quelle delle origini, ma non per questo meno autentiche: alla base vive ancora la medesima ricerca analitica sul reale che parte dalle stesse strutture che lo caratterizzano, come il linguaggio, il corpo, la fisicità. A queste si è poi aggiunto in fattore imprescindibile, quello della relazione, talmente decisivo da informare la stessa riflessione estetica e determinata dalle modalità con cui oggi il sapere si diffonde, le persone si conoscono e si interfacciano con la stessa realtà.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
UN PUNTO DI PARTENZA L’opera d’arte, la sua costruzione e la sua fruizione si sono evoluti nel tempo. A dimostrarlo ne è la storia stessa, riportata anche dai più comuni manuali di storia dell’arte. Meno evidente, però, è stata la fondamentale volta concettuale che l’arte ha imboccato, a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, e che ancora oggi segue una sua propria evoluzione. Uno spostamento che ha portato l’arte sulla strada dell’indagine analitica, rendendola autonoma sia da un punto di vista estetico che da un punto di vista formale. Ciò a cui si assiste, in epoca moderna, è quindi il sottile disgregarsi dei canoni della tradizione figurativa e plastica, una lenta erosione che ha i suoi mentori riconosciuti in Renè Magritte e Marcel Duchamp. Una veloce implosione che, in poco più di cinquant’anni, ha portato il fare arte ad una radicale implosione su sé stessa, mentre Pavel Florenskij, tra il 1923 ed il 1924, inizia la sua personale indagine analitica alla ricerca di un limite estetico entro cui definire l’arte, dove la purezza è data dalla sua stessa ragione di essere arte. E’ in questo solco che fa la sua comparsa la tautologia, come concetto estetico, come proposizione artistica ben definita, come atteggiamento concettuale precipuo, come nuovo modo di costruire l’arte. In particolare, la tautologia diventa cifra stilistica e vera e propria poetica di due artisti che, seguendo modalità diverse, seguono entrambi la corrente concettuale: Joseph Kosuth e Luciano Fabro. Tautologia diventa, così, un mezzo per leggere il reale ed il contemporaneo, i suoi spazi ed il suo tempo, la sua lingua e la sua sintassi e, non da ultimo, la relazione che lo spettatore, fruitore dell’opera istituisce con l’opera stessa. Due riflessioni, due produzioni e due atteggiamenti mentali paralleli ma sostanzialmente diversi, a partire dai materiali utilizzati; eppure, proprio partendo dalle opere di questi due artisti, può essere individuata una linea di declinazione nel presente che, ancora oggi, segue una propria evoluzione, a partire dalle opere di Claudio Parmiggiani, Giulio Paolini, Thomas Struth, Alighiero Boetti, Gerard Richeter, Anish Kapoor, e molti altri. Il nuovo millennio, però, vede anche un’evoluzione storica fondamentale, legata ai mutati metodi di fruizione resi possibili dall’introduzione, nell’arte, dei media e delle innovazioni tecnologiche. L’arte nell’era digitale, nell’era del World Wide Wed, si evolve abbandonando in molti casi l’interpretazione tautologica delle origini e sviluppa, invece, 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alighiero boetti
anish kapoor
arte concettuale giuseppe penone
arte contemporanea
arte relazionale
diego velàzquez
gabriel orozco
giulio paolini
jan van eyck
jhon cage
joseph kosuth
luciano fabro
lucio fontana
martin creed
matteo rubbi
matthew barney
maurizio cattelan
michelangelo pistoletto
nicolas bourriaud
patrick tuttofuoco
pavel florenskij
rirkrit tiravanija
tautologia
thomas struth

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi