Skip to content

Il Museo dell'Industria e del Lavoro ''Eugenio Battisti''

Informazioni tesi

  Autore: Rossella Paderni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Brescia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Chiara Dalle Nogare
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

Quadro generale sul MusIL, partendo dal momento della sua nascita e dai suoi obiettivi. L’attività della Fondazione Luigi Micheletti e della Fondazione Civiltà Bresciana finalizzata alla creazione del museo ha inizio nei primi anni ’90, quando queste intrapresero un’ importante fase di ricerca e documentazione delle collezioni. Esse troveranno collocazione nelle quattro diverse sedi del museo: la sede Centrale in città, il museo dell’energia idroelettrica di Cedegolo, il museo del ferro di S.Bartolomeo e infine la città delle macchine di Rodengo Saiano. Dopo l’analisi delle diverse caratteristiche di ognuna di queste sedi andrò ad analizzare la forma giuridica alla base di questo museo; l’ Accordo di Programma, firmato l’11 Marzo 2005, prevede la partecipazione di molteplici enti, pubblici e privati e la costituzione di una fondazione di partecipazione quale ente gestore del museo. Il finale del primo capitolo si occuperà quindi del ruolo dei diversi enti partecipatori, della quota finanziata da ognuno di essi e darà una visione del quadro economico dell’intero progetto.
Per la sua importanza strategica all’ interno del sistema, il secondo capitolo sarà interamente dedicato alla sede di Rodengo Saiano; la sua particolare sinergia senza precedenti con il Franciacorta Outlet Village (FOV) rappresenta un’ interessante occasione economica per il territorio della Franciacorta e soprattutto per il Comune di Rodengo Saiano, anch’esso partner attivo nell’Accordo di Programma. Il FOV, Il Comune di Rodengo Saiano e il MusIL rappresentano i tre principali soggetti attivi di questa sede, ognuno con diversi obiettivi e finalità , come emerge dalle interviste riportate nel terzo capitolo.
La mia sarà un analisi critica che evidenzierà da un lato l’importanza di questo museo e dall’altro i numerosi problemi che ad esso si accompagnano. Il MusIL è infatti un’importante risorsa culturale ed economica per la nostra provincia, ma è anche un progetto che richiederà, a causa delle grandi dimensioni e degli obiettivi che si propone, ingenti finanziamenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Il Museo dell’Industria e del Lavoro “Eugenio Battisti” 5 Introduzione La nozione economica e giuridica di museo ha avuto, in questi ultimi anni, una profonda trasformazione. Il museo non può essere considerato un contenitore di beni, ma costituisce piuttosto l’assetto organizzativo preposto alla tutela, alla fruizione ed alla valorizzazione della cultura: il soggetto in grado di svolgere unitariamente la conservazione, la fruizione e la valorizzazione dei beni culturali. Nel museo convivono e si integrano tanto i profili “statici” della disciplina dei beni culturali, quanto gli aspetti “dinamici” della regolazione della materia. Un museo – nella sua accezione più evoluta e moderna – deve essere in grado di esercitare tutte le funzioni proprie della gestione dei beni culturali, che il legislatore ha individuato nella tutela (attività diretta a conservare e proteggere i beni culturali), valorizzazione (attività diretta a migliorare le condizioni di conoscenza e di conservazione dei beni culturali), gestione (attività diretta, mediante l’organizzazione di risorse umane e materiali, ad assicurare la fruizione dei beni culturali) e promozione (attività diretta a suscitare e sostenere attività culturali). La qualità di un museo non deriva soltanto dalla rilevanza del patrimonio e dei beni contenuti, ma anche dalla capacità di promuovere ricerca e cultura, di fornire servizi, di qualificare lo sviluppo del territorio circostante. Il museo è infatti l’espressione culturale del territorio; contribuisce a rafforzare l’identità e la crescita sociale di una comunità, ma rappresenta anche un’opportunità economica, fattore di creazione di imprenditorialità e nuove professionalità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia industriale
dott. poggio
fondazione luigi micheletti
franciacorta outlet village
museo
museo dell'industria e del lavoro eugenio battisti
musil
rodengo saiano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi