Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Osteosarcoma: riabilitazione

In questa tesi è illustrata la riabilitazione a pazienti affetti da Osteosarcoma in vari distretti

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I OSTEOSARCOMA I.1 DEFINIZIONE L’osteosarcoma è definito come un tumore mesenchimale maligno in cui le cellule tumorali producono matrice ossea. E’ il più frequente tumore maligno primitivo dell’osso, con eccezione di mieloma e linfoma, e rappresenta circa il 20% dei tumori maligni primitivi dell’osso. Gli osteosarcomi si sviluppano in tutti i gruppi di età, ma presentano una distribuzione bimodale in rapporto all’età; il 75% compare in pazienti al disotto dei 20 anni. Il secondo, minore picco si verifica negli anziani, spesso affetti da patologie note per l’associazione con lo sviluppo di osteosarcoma, come malattia ossea di Paget, infarti ossei e pregressa terapia radiante. Nel complesso, gli uomini sono più frequentemente colpiti delle donne (1,6:1). I tumori si sviluppano in genere nella regione metafisaria delle ossa lunghe degli arti, e quasi il 60% nella regione vicina al ginocchio. Tuttavia, qualsiasi osso può essere colpito, e nei soggetti oltre i 25 anni di età l’incidenza nelle ossa piatte e nelle ossa lunghe è pressoché uguale (4).

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Pasquale Guadagnuolo Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1624 click dal 09/07/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×