Skip to content

Il viaggio: nuove terre o nuovi occhi?

Informazioni tesi

  Autore: Michela Bruni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze del turismo
  Relatore: Consuelo Diodati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

L’iniziativa di questo studio nasce dalla lettura di una delle numerose citazioni dello scrittore francese Marcel Proust. Essa afferma: “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuovi orizzonti ma nell’avere nuovi occhi”.
E’ un pensiero pregno di significato in quanto racchiude in sé tutta l’essenza del viaggio: solo se si è predisposti alla scoperta si può giungere alla vera conoscenza del luogo. Si vive senza remore l’esperienza del viaggio, ben lieti di recepire informazioni dall’ambiente ospitante. Si è coinvolti nel viaggio con la parte più intima e profonda di ognuno.
Nel presente lavoro, suddiviso in cinque capitoli, si è analizzato aspetti che caratterizzano il concetto del viaggio e la figura del viaggiatore.
Nel primo capitolo “La concezione del viaggio” si descrivono le fasi storiche più rilevanti che hanno caratterizzato questo fenomeno per poi procedere al valore che ha acquisito nel tempo il viaggiare, passato da elemento superfluo a vero e proprio bisogno primario.
Si disquisisce, inoltre, sul significato del viaggio: da considerazione di punizione/castigo dell’antichità a puro piacere in tempi moderni.
Nel capitolo successivo “Viaggio e turismo” si analizza il passaggio da viaggio al turismo con la dicotomia: sguardo romantico e sguardo collettivo.
Il discorso in seguito si espande sull’argomento del turismo dei giovani essendo un segmento notevole all’interno del mercato turistico visto la loro forte propensione allo spostamento.
Viene indagata la loro visione del viaggio fondata non solo sul divertimento ma anche sull’aspetto culturale, i luoghi in cui prediligono andare e il modo in cui affrontano il viaggio.
Nel terzo capitolo “Le ragioni del viaggio” si discutono le motivazioni che spingono ad intraprendere un viaggio sia quelle fisiologiche sia quelle interpersonali che coinvolgono ciascun singolo individuo.
Evidenzieremo in seguito i fattori pull e push ovvero quelli di spinta e di attrazione; aspetti da non reputarsi rigorosamente disgiunti ma contemporaneamente presenti nel processo motivazionale.
Nel quarto capitolo “Turismo di qualità” si afferma il notevole mutamento che sta subendo l’elemento turistico, accrescendo un modo di viaggiare “alternativo” che pone maggior attenzione verso sé, le proprie azioni e la realtà vissuta dai paesi di destinazioni.
Ne “Gli strumenti del viaggiatore”, quinto ed ultimo capitolo, si presentano i mezzi di cui si dota il viaggiatore. Strumenti di altri tempi ma tornati in voga anche in questi tempi frettolosi.
Il taccuino, amato compagno di viaggio di numerosi scrittori e artisti.
Parallelamente alla rinascita del mitico taccuino vi è la comparsa di un altro membro nella famiglia Moleskine: il Moleskine city notebook ossia una combinazione di taccuino e guida turistica.
Particolarmente personale nel senso che ognuno crea il proprio percorso in contrapposizione alle guide turistiche con itinerari precostituiti annessi.
Nel carnet de vovage, a metà tra il diario di bordo e l’album da disegno, vi si accostano diverse tecniche artistiche come il disegno, l’acquerello, la fotografia e volendo anche la scrittura.
Viene esaminata anche la macchina fotografica, elemento che identifica maggiormente il turista, strumento in grado di cristallizzare l’immagine, fissarla nel tempo e nello spazio.
Si indaga sulla mutazione che ha avuto nel corso del tempo non solo nella dimensione ma anche sull’influsso del suo potere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Il mio  studio  si  fonda  sul concetto di viaggio come elemento di apertura mentale,  nasce dalla  lettura di una delle numerose  citazioni dello  scrittore  francese Marcel  Proust.  Essa  afferma:  "Il  vero  viaggio  di  scoperta  non  consiste  nel  cercare  nuovi  orizzonti ma nell'avere nuovi occhi".  E'  un  pensiero  pregno  di  significato  in  quanto  racchiude  in  sé  tutta  l'essenza  del  viaggio: solo se si è predisposti alla scoperta si può giungere alla vera conoscenza del  luogo.  Si  vive  senza  remore  l'esperienza  del  viaggio,  ben  lieti  di  recepire  informazioni  dall ' ambiente ospitante. Si è coinvolti nel viaggio con la parte più intima e profonda  di ognuno.  Tali  dinamiche  rispondono  ad  una  rinnovata  tendenza  e  ricerca  di  viaggi  più  autentici, si parla infatti di nuovo nomadismo quindi, il viaggiatore durante il viaggio  cresce attraverso l'esperienza di paesaggi, volti, tradizioni, suoni prima sconosciuti.  Egli  non  segue  schemi  predefiniti  ma  ama  gli  imprevisti,  cambiare  rotta  senza  preoccuparsi, accetta sempre di correre il rischio di sbagliare.  Trova piacere nello scoprire direttamente un  luogo, nel "perdersi" nelle sue vie, si  lascia trasportare dal proprio  intuito, si abbandona a se stesso. Vuole vedere con  i  propri occhi non solo  il posto ma anche  il  tragitto che  lo porterà alla meta. Ha un  occhio eccellente per contrasti e contraddizioni.  Inoltre,  una  parte  importante  della mia  tesi  si  è  concentrata  sugli  strumenti  del  viaggiatore perché rappresentano una  traccia  importante di quella visione di cui ci  parlava Marcel Proust.  Essi, peraltro, assurgono a nuova vita nel III millennio e sono più diffusi di quanto si  possa pensare.  Ho analizzato il taccuino Moleskine, il carnet de voyage e la macchina fotografica.  Il Moleskine è  il taccuino per eccellenza,  leggendario custode di  immagini e parole  degli artisti e intellettuali europei degli ultimi due secoli: da Van Gogh a Picasso, da  Ernest Hemingway a Bruce Chatwin.  Questo  "libro nero"  rivela  ritratti  sia di  grandi  artisti  sia di persone normalissime.  Dopo  quasi  due  secoli  di  vita  è  ancora  un  simbolo  e mantiene  immutato  il  suo  fascino di "luogo di idee" perché ogni moleskine ha una storia da raccontare.  E'  uno  strumento  che  corrisponde  ad  un modo  di  vivere  e  viaggiare  all'insegna  dell'essenzialità, della libertà dell ' emozione, , fermare l'istante, catturare dettagli; ha  la  capacità di  cogliere  la  realtà  in movimento, è un accumulatore di emozioni che  libera la sua carica nel tempo. 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carnet de voyage
fotografia
giovani
macchina fotografica
occhi
scoperta
taccuino
terre
turismo
viaggiatore
viaggio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi