Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli odori: storia socioculturale ed implicazioni linguistiche

La percezione olfattiva è un argomento estremamente affascinante, che può essere affrontato da una miriade di punti di vista diversi. Nella società in cui viviamo, dove dominano l'astrazione, il virtuale e la limitazione dei contatti diretti, si è verificata una graduale svalutazione dell'olfatto e degli odori 'naturali', ormai associati ad un'idea di animalità e di imbarazzante fisicità: l’odorato è stato messo a tacere nella modernità. Gli studi accademici sull’odorato in passato hanno sofferto degli stessi pregiudizi culturali dell’odorato stesso; ma il ruolo dell’olfatto nella cultura è così profondo e affascinante che recentemente sempre più studiosi (storici, sociologi, antropologi) si sono dedicati all’approfondimento di tale argomento.
Il potere degli odori è atavico e viscerale; anche se a livello inconscio, essi hanno esercitato ed esercitano a tutt'oggi un ruolo determinante nella storia della cultura umana. Il proposito del presente lavoro è proprio quello di mettere in evidenza e rivalutare l'importanza del quinto senso, la 'cenerentola della società dell'immagine'.
La mia tesi è strutturata in quattro capitoli, che illustrano altrettanti aspetti dell'argomento trattato. Il primo capitolo affronta l'argomento dai punti di vista più disparati, giacché la complessità delle conoscenze acquisite sulla percezione olfattiva è ormai tale da richiedere un’introduzione multidisciplinare. Si va quindi dall'influsso degli odori sulla sfera psichica al legame tra odori e sessualità, dall'interazione tra olfatto e gusto alla classificazione degli odori, dalla fisiologia alla sociologia degli odori, e così via. Il secondo capitolo inquadra la storia socioculturale degli odori nel mondo occidentale, dall'antichità ai giorni nostri. Il terzo capitolo è essenzialmente antropologico ed evidenzia il significato e l'importanza degli odori in alcune culture non occidentali. Il quarto capitolo si occupa delle implicazioni linguistiche della percezione olfattiva, quindi dei termini relativi agli odori in varie lingue, occidentali e non.
Tra le numerose fonti bibliografiche cui mi sono riferita, alcune in particolare si sono rivelate estremamente utili e stimolanti, e meritano quindi di essere menzionate in questa sede: innanzi tutto, il brillante trattato di Alain Corbin sulla Francia dei secoli XVIII e XIX, Le Miasme et la Jonquille (1982) (nella traduzione italiana di F. Saba Sardi Storia sociale degli odori). Inoltre, i numerosi lavori di Constance Classen, David Howes ed Anthony Synnott, tra i quali Aroma (1994), Worlds of Sense (1993) e The Variety of Sensory Experience (1991), veri e propri capisaldi dell'antropologia dei sensi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Prefazione: LA RIVINCITA DEL QUINTO SENSO La percezione olfattiva è un argomento estremamente affascinante, che può essere affrontato da una miriade di punti di vista diversi. Nella società in cui viviamo, dove dominano l'astrazione, il virtuale e la limitazione dei contatti diretti, si è verificata una graduale svalutazione dell'olfatto e degli odori 'naturali', ormai associati ad un'idea di animalità e di imbarazzante fisicità: l’odorato è stato messo a tacere nella modernità. Gli studi accademici sull’odorato in passato hanno sofferto degli stessi pregiudizi culturali dell’odorato stesso; ma il ruolo dell’olfatto nella cultura è così profondo e affascinante che recentemente sempre più studiosi (storici, sociologi, antropologi) si sono dedicati all’approfondimento di tale argomento. Il potere degli odori è atavico e viscerale; anche se a livello inconscio, essi hanno esercitato ed esercitano a tutt'oggi un ruolo determinante nella storia della cultura umana. Il proposito del presente lavoro è proprio quello di mettere in evidenza e rivalutare l'importanza del quinto senso, la 'cenerentola della società dell'immagine'. La mia tesi è strutturata in quattro capitoli, che illustrano altrettanti aspetti dell'argomento trattato. Il primo capitolo affronta l'argomento dai punti di vista più disparati, giacché la complessità delle conoscenze acquisite sulla percezione olfattiva è ormai tale da richiedere un’introduzione multidisciplinare. Si va quindi dall'influsso degli odori sulla sfera psichica al legame tra odori e sessualità, dall'interazione tra olfatto e gusto alla classificazione degli odori, dalla fisiologia alla sociologia degli odori, e così via. Il secondo capitolo inquadra la storia socioculturale degli odori nel mondo occidentale, dall'antichità ai giorni nostri. Il terzo capitolo è essenzialmente antropologico ed evidenzia il significato e l'importanza degli odori in alcune culture non occidentali. Il quarto capitolo si occupa delle implicazioni linguistiche della percezione olfattiva, quindi dei termini relativi agli odori in varie lingue, occidentali e non. Tra le numerose fonti bibliografiche cui mi sono riferita, alcune in particolare si sono rivelate estremamente utili e stimolanti, e meritano quindi di essere menzionate in questa sede: innanzi tutto, il brillante trattato di Alain Corbin sulla Francia dei secoli XVIII e XIX, Le Miasme et la Jonquille (1982) (nella traduzione italiana di F. Saba Sardi Storia sociale degli odori). Inoltre, i numerosi lavori di Constance Classen, David Howes ed Anthony Synnott, tra i quali Aroma (1994), Worlds of Sense (1993) e The Variety of Sensory Experience (1991), veri e propri capisaldi dell'antropologia dei sensi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori

Autore: Silvia Codogni Contatta »

Composta da 359 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6650 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.