Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I reati commessi a mezzo di stampa periodica

La mia tesi parla dei reati a mezzo di stampa e della responsabiltà del direttore di giornale prima e dopo la riforma del 1958

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Con questa tesi spiegherò il radicale mutamento, che dalle fine del 1600 in poi, ha condizionato il mondo della stampa e i reati commessi per il suo tramite. La stampa e’ sempre stata vista come il mezzo di diffusione del pensiero più potente ed efficace , proprio per questo le varie legislazioni nazionali hanno sin dai tempi più remoti , tentato di strumentalizzarla a favore dei ceti più privilegiati con disposizioni gravemente restrittive. L’ intento era evitare che il pensiero popolare si diffondesse troppo velocemente ed in modo incontrollato. I profondi cambiamenti che hanno riguardato la stampa hanno avuto grandi ripercussioni sulla struttura organizzativa e responsabile dei periodici. Con questa tesi descrivo l’ evoluzione, intesa come responsabilità penale, che ha avuto la figura del direttore di un giornale periodico nel corso degli anni, dalla figura del ‘’gerente responsabile’’ a quella più recente del ‘’direttore’’. Si è passati pertanto da una forma di responsabilità per fatto altrui ad una diversa di responsabilità per fatto proprio.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Vincenzo Capuano Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 841 click dal 15/07/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.