Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Terapia Cognitivo Esperienziale (ECT) per il trattamento dei disturbi d'ansia

Negli ultimi dieci anni lo sviluppo di applicazioni di Realtà Virtuale (RV) per la valutazione e il trattamento di disturbi psicologici ha conosciuto un consistente sviluppo.
Ad oggi è possibile fare riferimento ad oltre una cinquantina di studi concernenti il trattamento di differenti disturbi psicologici, con il supporto della RV, in particolare di tipo fobico: dalla paura di volare in aereo alle fobie sociali, dai disturbi correlati a alla percezione dell’immagine corporea ai disturbi da stress post-traumatico. Tuttavia, nonostante dagli studi sembri emergere che le terapie basate sulla RV portino a risultati positivi rispetto alla mancanza totale di trattamento, l’efficacia di tali nuovi protocolli rispetto a trattamenti più tradizionali basati su terapia cognitivo comportamentale, non è ancora totalmente supportata dalle ricerche attualmente disponibili.

Mostra/Nascondi contenuto.
22 Capitolo 4 Ergonomia e interazione terapeutica nell ECT per il trattamento dei disturbi d ansia con agorafobia: uno studio sulla Presenza Sociale 4.1 Social Presence e VR based therapy Come sottolineato da Riva (2005), “ciò che contraddistingue la RV da altri media o sistemi di comunicazione è il senso di presenza inteso come la sensazione di ‘essere là’ (“of being there”). Nel caso specifico dello studio presentato, si è ritenuto di procedere con approfondimenti relativi ad alcuni concetti chiave connessi in particolare al senso di ‘presenza sociale’ con lo scopo di utilizzare i risultati di tale studio sia per il miglioramento degli ambienti RV sia per l’aggiornamento del protocollo clinico. A seguito di una breve premessa di carattere teorico, riportiamo in questo capitolo un esempio delle analisi condotte e alcune considerazioni finali. Le origini del costrutto di presenza sociale risalgono al concetto di immediatezza proposto da Mehrabian nel 1969: “Immediacy is the directedness and intensity of interaction between two entities”. Short e colleghi, nel 1976, hanno introdotto e definito il concetto di ‘presenza sociale’ inteso come “the salience of the other in a mediated communication and the consequent salience of their personal interactions”. Questo principio ha una ricaduta significativa sul processo di progettazione. Il sistema RV utilizzato nel nostro studio basato sull’applicazione del protocollo ECT per il trattamento dei disturbi d’ansia, riconosce nella ‘presenza dell’altro’ nell’ambiente RV un importante elemento terapeutico e funzionale che merita un’attenta indagine allo scopo di consentire un intervento su due fronti.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Gloria Maria Belloni Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2153 click dal 17/07/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.