Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli asset intangibili e il riassetto organizzativo delle aziende sanitarie: analisi, valutazione e proposte

Con questa tesi si mira a dimostrare come un’analisi accurata e specifica del capitale intellettuale possa far progredire l’azienda sanitaria del futuro al fine di migliorare le prestazioni della stessa basandosi non solo su capacità e forze economiche disponibili, ma anche sulla professionalità e sulla formazione degli operatori (maggiore formazione, maggiore specializzazione dei tecnici, migliori risultati rilevabili tramite procedure di controllo e analisi di efficacia ed efficienza).
Si punta inoltre a provare come lo stesso capitale intellettuale abbia una rilevanza fondamentale anche nei rapporti con la clientela.
Si vuole dimostrare come la stretta collaborazione tra tecnici, assitenti sanitari e ruoli dirigenziali siano fondamentali al fine di offrire un servizio serio, compatto e professionale in tempi rapidi e certi, servizio che deve rivelarsi professionale ed altamente specializzato.
Il capitale intellettuale deve essere visto come una risorsa dell’azienda che deve saperlo gestire, sfruttare e valorizzare, premiando il professionista che si migliora attuando e partecipando ad eventi che mirano alla formazione continua e alla collaborazione con tutti gli enti coinvolti in progetti di ricerca e sviluppo; fondamentale la collaborazione con le università e con le associazioni di ricerca no-profit che permettono al professionista di avere possibilità di confronto con mondi diversi da quello prettamente lavorativo.
Si vuole creare una sorta di network che possa racchiudere tutti gli operatori del comparto della prevenzione al fine di generare un flusso di dati che vadano a far parte del capitale dell’azienda che deve assumere un ruolo di leader del settore.
Con questa tesi quindi si vuole dimostrare quanto sia importante anche nel settore pubblico la valorizzazione di quegli asset intangibili che storicamente sono propri delle aziende private, nelle quali il capitale intellettuale e il knowledge management sono dei punti cardine sul piano del valore aziendale e sull’efficienza ed efficacia della stessa.
Si vuole inoltre ipotizzare un riassetto organizzativo basato sulla creazione di agenzie, gestione per processi e fondamentale importanza alle capacità professionali e all’interconnessione tra i vari servizi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3    Introduzione Con questa tesi si mira a dimostrare come un’analisi accurata e specifica del capitale intellettuale possa far progredire l’azienda sanitaria del futuro al fine di migliorare le prestazioni della stessa basandosi non solo su capacità e forze economiche disponibili, ma anche sulla professionalità e sulla formazione degli operatori (maggiore formazione, maggiore specializzazione dei tecnici, migliori risultati rilevabili tramite procedure di controllo e analisi di efficacia ed efficienza). Si punta inoltre a provare come lo stesso capitale intellettuale abbia una rilevanza fondamentale anche nei rapporti con la clientela. Si vuole dimostrare come la stretta collaborazione tra tecnici, assitenti sanitari e ruoli dirigenziali siano fondamentali al fine di offrire un servizio serio, compatto e professionale in tempi rapidi e certi, servizio che deve rivelarsi professionale ed altamente specializzato. Il capitale intellettuale deve essere visto come una risorsa dell’azienda che deve saperlo gestire, sfruttare e valorizzare, premiando il professionista che si migliora attuando e partecipando ad eventi che mirano alla formazione continua e alla collaborazione con tutti gli enti coinvolti in progetti di ricerca e sviluppo; fondamentale la collaborazione con le università e con le associazioni di ricerca no-profit che permettono al professionista di avere possibilità di confronto con mondi diversi da quello prettamente lavorativo. Si vuole creare una sorta di network che possa racchiudere tutti gli operatori del comparto della prevenzione al fine di generare un flusso di dati che vadano a far parte del capitale dell’azienda che deve assumere un ruolo di leader del settore.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Luca Palazzotti Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1904 click dal 17/07/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.