Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dell'Internal Auditor oggi e domani

Il presente lavoro di ricerca intende fornire una panoramica aggiornata sulla funzione di Internal Auditing.
Il progressivo aumento della complessità dei sistemi aziendali, la globalizzazione dei mercati e l’osservazione di atteggiamenti non sempre orientati da principi di etica comportamentale, ma ancora gli scandali finanziari che hanno coinvolto alcune grandi imprese quotate sui principali mercati borsistici mondiali ed i recenti fallimenti di alcuni grandi gruppi industriali italiani, sono elementi che hanno avuto un forte impatto emozionale sull’opinione pubblica e su tutti gli stakeholders. Ciò ha fatto si che sia accresciuta notevolmente l’attenzione rivolta ai controlli posti in essere dagli organi di governo delle imprese stesse.
Queste sono le ragioni che hanno indotto numerose aziende di introdurre o valutare una possibile introduzione della funzione di Internal Auditing.
Con riferimento all’evolversi nel tempo dell’Internal Auditing, in passato (primi anni Cinquanta) la revisione interna era intesa come attività volta all’analisi e alla valutazione dei problemi aziendali aventi natura contabile e finanziaria. Con l’evolversi dell’ambiente esterno, tale concetto è stato riveduto, portando ad un ampliamento degli obiettivi, diretti anche ad altre attività svolte dall’impresa, fino a giungere ad un ruolo della revisione non più solo di tipo ispettivo, bensì di valutazione dell’efficacia e dell’efficienza delle operazioni poste in essere.
Occorre precisare che nel presente lavoro di ricerca non è stato trattato tutto lo scenario, data la sua vastità, ma si è voluto trattare solo i seguenti aspetti.
Innanzitutto, si cercherà di ripercorrere storicamente la nascita dell’Auditing e la sua evoluzione nel tempo. Di seguito verranno analizzate le principali interpretazioni operative della revisione interna con l’intento di introdurre l’oggetto di analisi dell’intero elaborato.
Si proseguirà con l’analisi della normativa di riferimento per l’Internal Auditor: i Professional Practices Framework.
Sarà necessario approfondire in particolare il problema storico dell’indipendenza di giudizio degli Auditors, e quando questo problema può motivare il ricorso all’esternalizzazione dell’attività (outsourcing).
L’argomento successivo che vorrei trattare verterà sull’importanza delle Certificazioni nazionali ed internazionali della professione.
Si passerà poi ad illustrare l’evoluzione che ha subito la funzione in risposta ai cambiamenti del mercato e il ruolo che oggi ricopre l’Internal Auditor nelle organizzazioni.
Vorrei terminare la ricerca esplorando le motivazioni che possono indurre le organizzazioni ad introdurre una funzione di Internal Auditing, ed una volta introdotta le modalità per valutarne l’efficienza e l’efficacia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro di ricerca intende fornire una panoramica aggiornata sulla funzione di Internal Auditing. Il progressivo aumento della complessità dei sistemi aziendali, la globalizzazione dei mercati e l’osservazione di atteggiamenti non sempre orientati da principi di etica comportamentale, ma ancora gli scandali finanziari che hanno coinvolto alcune grandi imprese quotate sui principali mercati borsistici mondiali ed i recenti fallimenti di alcuni grandi gruppi industriali italiani, sono elementi che hanno avuto un forte impatto emozionale sull’opinione pubblica e su tutti gli stakeholders. Ciò ha fatto si che sia accresciuta notevolmente l’attenzione rivolta ai controlli posti in essere dagli organi di governo delle imprese. Queste sono le ragioni che hanno indotto numerose aziende ad introdurre o valutare una possibile introduzione della funzione di Internal Auditing. Con riferimento all’evolversi nel tempo dell’Internal Auditing, in passato (primi anni Cinquanta) la revisione interna era intesa come attività volta all’analisi e alla valutazione dei problemi aziendali aventi natura contabile e finanziaria. Con l’evolversi dell’ambiente esterno, tale concetto è stato riveduto, portando ad un ampliamento degli obiettivi, diretti anche ad altre attività svolte dall’impresa, fino a giungere ad un ruolo della revisione non più solo di tipo ispettivo, bensì di valutazione dell’efficacia e dell’efficienza delle operazioni poste in essere. In particolare, con l’introduzione nel 1972 della revisione esterna obbligatoria, l’audit interno viene ad assumere un ruolo di interfaccia con la revisione esterna, soprattutto in quanto destinato a costituire la base degli interventi esterni poiché diretto a svolgere in 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Katia Garrano Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7978 click dal 16/07/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.