Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Credito al consumo e grande distribuzione specializzata: una coppia vincente nel settore consumer electronics

L'elaborato parte dall'evoluzione del credito al consumo e della grande distribuzione in Italia, focalizzando l'analisi su come la grande distribuzione sia riuscita a utilizzare il credito come strumento per differenziare la propria offerta. Il settore del consumer electronics è quello che maggiormente ha saputo avvantaggiarsi sia dell'utilizzo del credito, sia della piattaforma della grande superficie specializzata, in particolare per operazioni di trading up. Si riporta il caso di Mediaworld e un breve confronto con Unieuro sulla politica di utilizzo dei finanziamenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione I principali driver che hanno favorito la crescita della domanda di credito da parte delle famiglie italiane sono di natura strutturale e sono legati a mutamenti sociali e demografici quali la progressiva riduzione dimensionale dei nuclei familiari e l’aumentata mobilità degli italiani, nonché da fattori culturali legati alla crescita del grado di cultura finanziaria dei consumatori, che ha gradualmente ridotto le resistenze di natura psicologica verso il ricorso al credito, considerato sempre più come uno strumento di gestione del budget familiare. Accanto a quelli ricordati vi sono poi alcune variabili di natura congiunturale come il basso livello dei tassi di interesse e l’aumento dei prezzi delle case che hanno contribuito alla richiesta dei finanziamenti. La crescita è stata infine favorita dall’evoluzione dell’offerta, che propone prodotti sempre più in grado di soddisfare le diverse esigenze della famiglia con un accento su flessibilità e semplificazione. Contemporaneamente, negli ultimi anni si è assitito alla veloce evoluzione del sistema distributivo che, complice la grande influenza che riesce ad operare sulle scelte del consumatore, l’elevata capillarità sul territorio e la fusione in grandi centrali d’acquisto, ha totalmente stravolto il rapporto con l’industria, capovolgendolo. In questo contesto, si devono considerare gli evidenti segni di cambiamento che stanno avvenendo nella distribuzione specializzata: nei paesi più evoluti si stanno affermando le Grandi Superfici Specializzate (GSS), riscontrabili nei grandi category killer come Leroy Merlin, Ikea, Decathlon. In questi casi il fornitore non può permettersi di focalizzare la sua attività di marketing solo sul comportamento di consumo, ma deve considerare anche il comportamento d’acquisto e inserire il cliente rivenditore negli obiettivi delle sue azioni, tenendo presente la riduzione progressiva dell’area del controllo industriale del marketing distributivo.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Giorgia Pietrosanti Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1214 click dal 24/07/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.