Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Come forma la musica: itinerari nel pensiero di Th. W. Adorno

Questa tesi si offre di essere un utile strumento per la comprensione del pensiero di Th. W. Adorno presentando con chiarezza le varie problematiche dell’autore ed in particolare riguardo al valore formativo e pedagogico della musica.
Partendo da una biografia intellettuale in cui ogni volume del filosofo viene spiegato – seppur per sommi capi – ci si sofferma poi sulla Dialettica dell’illuminismo, sulla Dialettica negativa (anche riguardo alla questione del linguaggio e della metafisica) e sulla Teoria estetica, delle quali vengono analizzati i vari aspetti con completezza. Viene ricostruita la formazione della teoria critica attraverso gli scritti del filosofo, ponendoli in diretto paragone con altri importanti pubblicazioni coeve e con gli autori del passato ai quali Adorno si richiama; viene così chiarito il rapporto di Adorno con Kant, Marx, Husserl, Heidegger, Benjamin ed in particolar modo con Hegel. Vengono inoltre esaminati aspetti meno conosciuti – ma per questo non marginali – quali ad esempio lo stile e il rapporto dialettico e critico che l’autore richiede al lettore, il valore morale del pensare filosofico. Da citare infine il paragrafo sull’industria culturale e un utile capitolo per comprendere il complesso concetto di “mimesis” in Adorno.
Per quanto riguarda l’estetica musicale, dopo un excursus sulle varie pubblicazioni di Adorno, si è cercato di tracciare un esauriente percorso della musicologia adorniana, dai prebachiani agli anni Sessanta; ci si è poi focalizzati su alcuni autori ai quali il filosofo rivolge particolare attenzione dedicando appositi paragrafi alle figure di Mahler, Wagner e Beethoven, Schönberg, Stravinsky, per questi ultimi confrontando anche gli iscritti di Adorno con i loro; infine abbiamo analizzato il rapporto di Adorno con la musica a lui contemporanea (i postweberniani, Boulez, Cage, Donatoni, ecc.), analizzando il concetto di “invecchiamento” e cercando di spiegare chiaramente quello di “musica informale”.
Nell’ultimo capitolo siamo andati poi alla ricerca dei testi riguardanti la pedagogia e la formazione musicale in Adorno, aspetti raramente in primo piano ma sempre presenti nel pensiero dell’autore che dava all’arte una precisa funzione – oltre che conoscitiva – di elevazione e di formazione dell’individuo. Si è cercato quindi di delineare una pedagogia adorniana – in particolar modo riguardo alla musica – e di ricercare gli elementi di una formazione umana nel pensiero dell’autore. Si è quindi partiti dall’importanza data da Adorno ad un corretto ascolto (definito da Adorno “strutturale”), ricostruendo poi i vari tipi di ascoltatori descritti in Introduzione alla sociologia della musica e in altri saggi per poi intraprendere una complessa ricerca degli aspetti di formazione musicale contenuti in Filosofia della musica.
Infine, le quaranta pagine di bibliografia (aggiornata al giugno 2009) costituiscono uno strumento completo ed esauriente; in essa sono presenti (anche con indicazioni di risorse on-line) tutti i libri pubblicati da Adorno e le relative traduzioni in italiano, i volumi e gli articoli su Adorno filosofo e musicologo, un’ampia scelta di pubblicazioni sulla Scuola di Francoforte e un elenco indicativo di volumi di estetica musicale e di pedagogia della musica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREFAZIONE Quando ci si avvicina alla figura di Theodor Wiesengrund Adorno generalmente lo si conosce inizialmente per i suoi scritti musicali ed estetici, quindi ci si interessa alla sua vita ed infine si approfondiscono gli aspetti più teorici; questo è il cammino che – in quanto musicista – ha segnato il mio approccio a questo filosofo. In ogni caso, anche se si sceglie un cammino diverso, la figura di Adorno resta sempre affascinante, anche quando il suo pensiero “non disdegna l’iperbole retorica nel pronunciare i verdetti della denuncia sociale”1 o quando i suoi scritti sono così impenetrabili da rendere difficoltosa la lettura; da qualsiasi punto si parta, non si può prescindere da una lettura completa della sua produzione letteraria in quanto i vari aspetti della sua Weltanschauung – intesa nel senso proprio di visione generale della società e di sapere onnicomprensivo e interconnesso – sono sempre in relazione tra di loro. È stato rilevato come “non è possibile tuttora affrontare problemi chiave come la crisi del soggetto, la critica dell’ideologia, l’alienazione e la conciliazione, il modello teorico della totalità dialettica, il paradosso dell’illuminismo, il discorso sulla modernità come paradigma esaurito o ancora incompiuto senza porsi seriamente il ‘nodo’ Adorno, senza confrontarsi criticamente con le sue tesi”2. Nonostante nel corso dei decenni Adorno sia stato sostenuto o contrastato, la sua filosofia rappresenta comunque un “nodo” ineludibile per qualsiasi analisi del pensiero occidentale del Novecento, sia essa 1 Arbo A., Dialettica della musica. Saggio su Adorno, Milano, Guerini, 1991, p. 13 2 Pellegrino P., Teoria critica e teoria estetica in Th. W. Adorno, Lecce, Argo, 1996, p. 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Andrea Farolfi Contatta »

Composta da 297 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4061 click dal 24/07/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.