Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cultura della qualità nel Midwifery Management

Riflettendo su quanto di nuovo c’è nell’organizzazione delle Aziende ospedaliere e sanitarie, e sul diritto dell’utenza di vedere soddisfare al meglio i propri bisogni, l’obiettivo di tutti coloro che operano in sanità deve essere quello di contribuire al raggiungimento e al miglioramento continuo della qualità.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Premessa La storia della Qualità in Sanità inizia con il decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, e successive modificazioni e integrazioni - decreto legislativo n. 517 del 7 dicembre 1993, avente per oggetto il riordino della disciplina in materia sanitaria, in cui l’art. 10 afferma: “Allo scopo di garantire la qualità dell’assistenza nei confronti della generalità dei cittadini, è adottato in via ordinaria il metodo della verifica e revisione della qualità e quantità delle prestazioni, nonché del loro costo…” Lo stesso articolo prevede al comma 3 che il Ministero della sanità stabilisca con decreto i contenuti e le modalità di utilizzo degli indicatori di efficienza e di qualità e che riferisca in merito alle verifiche dei risultati conseguiti avvalendosi del predetto sistema di indicatori. Il successivo articolo 14, relativo ai diritti dei cittadini, prevede tra l’altro l’adozione di indicatori di qualità riguardanti la personalizzazione e umanizzazione dell’assistenza, il diritto di informazione, le prestazioni alberghiere e l’andamento delle attività di prevenzione delle malattie. Nasce così il complesso fenomeno dell’innovazione resasi necessaria per configurare un disegno generale di riforma per migliorare il Servizio Sanitario. Successivamente vengono emanati il D.P.R. n. 37 del 14 gennaio 1997 (che fissa i requisiti minimi per l’accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private) e l’articolo 8-quater del decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, (che ribadisce la necessità di garantire la qualità dell'assistenza e propone il metodo di verifica e revisione, prevedendo accordi tra Regione ed Aziende Sanitarie) in cui viene espressa chiaramente la diffusa esigenza della ricerca di un miglioramento qualitativo che si esprime attuando strategie aziendali, tra le quali la limitazione della spesa pubblica che impone di evitare sprechi e disservizi, la necessità di alti standard richiesti dalla crescente

Tesi di Master

Autore: Maria Zirpoli Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1970 click dal 01/09/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.