Skip to content

Il comunicatore aziendale nel mercato del lavoro di Napoli

Informazioni tesi

  Autore: Marianna Conte
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica
  Relatore: Mirella Giannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 182

Il lavoro in oggetto presenta i risultati di un’indagine condotta sulla base delle esperienze dei laureati in Sdc presso il Benincasa; posa quindi la sua attenzione sulla condizione dei comunicatori d’impresa nel mercato del lavoro di Napoli. Si tratta di una situazione difficile quella di queste nuove figure professionali propria, non solo, del territorio campano ma un po’ del contesto italiano. Latrattazione ha inizio con le trasformazioni nel mercato del lavoro, descrivendo come il passaggio dal sistema di produzione fordista a quello post-fordista e la conseguente riduzione del ruolo dei lavoratori standar nell’organizzazione del lavoro ha traghettato, non senza contraccolpi, il mondo del lavoro verso strutture meno rigide, aprendo ai soggetti uno spettro di nuove possibilità di carriera e al tempo stesso precludendo loro gli spazi per la tutela di un lavoro identico per tutta la vita.Il modello fordista si reggeva soprattutto su aggregati industriali di grosse dimensioni, concepiti per una produzione su larga scala, organizzati secondo una precisa specializzazione dei lavori e delle competenze e gestiti grazie ad un management di tipo piramidale (strutture gerarchiche del lavoro e separazione tra le funzioni di design e manifattura dei prodotti)Con il passaggio al post-fordismo, si assiste ad un’organizzazione economica e sociale del lavoro in cui i vecchi modelli standardizzati di regolazione economica e sociale lasciano il posto a dinamiche completamente diverse: i nuovi modelli non garantiscono più la stabilità del lavoro nel tempo, privilegiano la polivalenza delle funzioni professionali, piuttosto che la «standardizzazione» delle competenze specialistiche e rimandano all’idea di una forza lavoro flessibile, mobile ed eterogenea.Quindi, dopo la parentesi fordista,il capitalismo vivrebbe oggi una nuova fase, grazie ad un processo di innovazione tecnologica e manageriale, fondata sull’impiego e la valorizzazione delle conoscenze possedute dai lavoratori; viene infatti descritto come stia emergendo un gruppo sociale complesso, i knowledge workers.
E’ questo l’oggetto del secondo paragrafo del I capitolo, in cui vengono analizzati i fenomeni che hanno favorito lo sviluppo dei lavoratori della conoscenza,vengono descritte le attività di comunicazione che svolgono quotidianamente,i compiti,i tipi di strumenti di comunicazione che utilizzano ed i tipi di rapporti hanno con i colleghi.
Per le aziende,il valore di un lavoratore della conoscenza è dato infatti dalle attività che questi è in grado di mettere in atto all’occorrenza più che da quelle di routine; dalle sue capacità di assumere rischi,di essere intraprendente, di raggiungere i risultati .Le professioni nelle organizzazioni come categoria emergente del mercato del lavoro costituiscono l’oggetto del IIcap.Uno dei caratteri fondanti del nuovo, e non ancora ben definito, ordine sociale è dato dall’espansione di quelli che il senso comune e le statistiche ufficiali definiscono professionisti. Le organizzazioni che li occupano, negli ultimi anni aspirano a individuarli, classificarli e gestirli con approcci, metodi e soluzioni diversi da quelli adottati tradizionalmente per il lavoro degli impiegati, degli specialisti, dei managers.Vengono inoltre analizzati gli obiettivi più frequenti dei professionisti nelle organizzazioni e i contesti organizzativi e tecnologici in cui operano. L’organizzazione , la comunicazione e il mkg sono i saperi che caratterizzano il nostro tempo. I mestieri e le specializzazioni che si muovono al loro interno sono in continua espansione ed assumono sempre più le caratteristiche disaperi professionali, emergenti e cruciali per qualsivoglia Istituzione od impresa. Per questo si rafforza l’esigenza di coltivare e sviluppare professionalità mirate con ruoli e competenze ad altissima specializzazione in tali ambiti. Oggetto del III capitolo sono i professionisti della comunicazione,si procede ad analizzare la figura del comunicatore di impresa, le competenze e le caratteristiche per eccellere nella professione, la formazione universitaria, il corso di laurea in Sdc che crea figure professionali pronte ad entrare in ambiti lavorativi diversificati.Da qui poi ci si chiede pertanto cosa aspetti questi nuovi laureati, quale futuro si prospetti loro, ma soprattutto quali siano gli sbocchi professionali che questo tipo di facoltà universitaria offre.
Oggetto di studio nel quarto capitolo sarà pertanto la situazione relativa ai laureati in SDC presso ilBenincasa, l’evolversi del loro ruolo e gli sbocchi professionali che il conseguimento di questo titolo ha consentito loro cercando di capire se riusciranno a trovare un’occupazione retribuita, se esiste il pericolo che l’ondata dei laureati in SDC abbia saturato il mercato e se una laurea di tal genere conferisca effettivamente le soddisfazioni sperate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- Il comunicatore aziendale nel mercato del lavoro di Napoli - 4 Abstract Il lavoro in oggetto presenta i risultati di un’indagine condotta sulla base delle esperienze dei laureati in Scienze della comunicazione presso l’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa; posa quindi la sua attenzione sulla condizione dei comunicatori d’impresa nel mercato del lavoro di Napoli. Si tratta di una situazione difficile quella di queste nuove figure professionali propria, non solo, del territorio campano ma un po’ del contesto italiano. La trattazione ha inizio con le trasformazioni nel mercato del lavoro, descrivendo come il passaggio dal sistema di produzione fordista a quello post-fordista e la conseguente riduzione del ruolo dei lavoratori «standard» nell’organizzazione del lavoro ha traghettato, non senza contraccolpi, il mondo del lavoro verso strutture meno rigide, aprendo ai soggetti uno spettro di nuove possibilità di carriera e al tempo stesso precludendo loro gli spazi per la tutela di un lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

competenze
comunicatore ziendale
comunicazione di impresa
indagine
knowledge workers
mercato del lavoro
professionista delle organizzazioni
professionisti
scienze della comunicazione
suor orsola benincasa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi