Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il comunicatore aziendale nel mercato del lavoro di Napoli

Il lavoro in oggetto presenta i risultati di un’indagine condotta sulla base delle esperienze dei laureati in Sdc presso il Benincasa; posa quindi la sua attenzione sulla condizione dei comunicatori d’impresa nel mercato del lavoro di Napoli. Si tratta di una situazione difficile quella di queste nuove figure professionali propria, non solo, del territorio campano ma un po’ del contesto italiano. Latrattazione ha inizio con le trasformazioni nel mercato del lavoro, descrivendo come il passaggio dal sistema di produzione fordista a quello post-fordista e la conseguente riduzione del ruolo dei lavoratori standar nell’organizzazione del lavoro ha traghettato, non senza contraccolpi, il mondo del lavoro verso strutture meno rigide, aprendo ai soggetti uno spettro di nuove possibilità di carriera e al tempo stesso precludendo loro gli spazi per la tutela di un lavoro identico per tutta la vita.Il modello fordista si reggeva soprattutto su aggregati industriali di grosse dimensioni, concepiti per una produzione su larga scala, organizzati secondo una precisa specializzazione dei lavori e delle competenze e gestiti grazie ad un management di tipo piramidale (strutture gerarchiche del lavoro e separazione tra le funzioni di design e manifattura dei prodotti)Con il passaggio al post-fordismo, si assiste ad un’organizzazione economica e sociale del lavoro in cui i vecchi modelli standardizzati di regolazione economica e sociale lasciano il posto a dinamiche completamente diverse: i nuovi modelli non garantiscono più la stabilità del lavoro nel tempo, privilegiano la polivalenza delle funzioni professionali, piuttosto che la «standardizzazione» delle competenze specialistiche e rimandano all’idea di una forza lavoro flessibile, mobile ed eterogenea.Quindi, dopo la parentesi fordista,il capitalismo vivrebbe oggi una nuova fase, grazie ad un processo di innovazione tecnologica e manageriale, fondata sull’impiego e la valorizzazione delle conoscenze possedute dai lavoratori; viene infatti descritto come stia emergendo un gruppo sociale complesso, i knowledge workers.
E’ questo l’oggetto del secondo paragrafo del I capitolo, in cui vengono analizzati i fenomeni che hanno favorito lo sviluppo dei lavoratori della conoscenza,vengono descritte le attività di comunicazione che svolgono quotidianamente,i compiti,i tipi di strumenti di comunicazione che utilizzano ed i tipi di rapporti hanno con i colleghi.
Per le aziende,il valore di un lavoratore della conoscenza è dato infatti dalle attività che questi è in grado di mettere in atto all’occorrenza più che da quelle di routine; dalle sue capacità di assumere rischi,di essere intraprendente, di raggiungere i risultati .Le professioni nelle organizzazioni come categoria emergente del mercato del lavoro costituiscono l’oggetto del IIcap.Uno dei caratteri fondanti del nuovo, e non ancora ben definito, ordine sociale è dato dall’espansione di quelli che il senso comune e le statistiche ufficiali definiscono professionisti. Le organizzazioni che li occupano, negli ultimi anni aspirano a individuarli, classificarli e gestirli con approcci, metodi e soluzioni diversi da quelli adottati tradizionalmente per il lavoro degli impiegati, degli specialisti, dei managers.Vengono inoltre analizzati gli obiettivi più frequenti dei professionisti nelle organizzazioni e i contesti organizzativi e tecnologici in cui operano. L’organizzazione , la comunicazione e il mkg sono i saperi che caratterizzano il nostro tempo. I mestieri e le specializzazioni che si muovono al loro interno sono in continua espansione ed assumono sempre più le caratteristiche disaperi professionali, emergenti e cruciali per qualsivoglia Istituzione od impresa. Per questo si rafforza l’esigenza di coltivare e sviluppare professionalità mirate con ruoli e competenze ad altissima specializzazione in tali ambiti. Oggetto del III capitolo sono i professionisti della comunicazione,si procede ad analizzare la figura del comunicatore di impresa, le competenze e le caratteristiche per eccellere nella professione, la formazione universitaria, il corso di laurea in Sdc che crea figure professionali pronte ad entrare in ambiti lavorativi diversificati.Da qui poi ci si chiede pertanto cosa aspetti questi nuovi laureati, quale futuro si prospetti loro, ma soprattutto quali siano gli sbocchi professionali che questo tipo di facoltà universitaria offre.
Oggetto di studio nel quarto capitolo sarà pertanto la situazione relativa ai laureati in SDC presso ilBenincasa, l’evolversi del loro ruolo e gli sbocchi professionali che il conseguimento di questo titolo ha consentito loro cercando di capire se riusciranno a trovare un’occupazione retribuita, se esiste il pericolo che l’ondata dei laureati in SDC abbia saturato il mercato e se una laurea di tal genere conferisca effettivamente le soddisfazioni sperate.

Mostra/Nascondi contenuto.
- Il comunicatore aziendale nel mercato del lavoro di Napoli - 4 Abstract Il lavoro in oggetto presenta i risultati di un’indagine condotta sulla base delle esperienze dei laureati in Scienze della comunicazione presso l’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa; posa quindi la sua attenzione sulla condizione dei comunicatori d’impresa nel mercato del lavoro di Napoli. Si tratta di una situazione difficile quella di queste nuove figure professionali propria, non solo, del territorio campano ma un po’ del contesto italiano. La trattazione ha inizio con le trasformazioni nel mercato del lavoro, descrivendo come il passaggio dal sistema di produzione fordista a quello post-fordista e la conseguente riduzione del ruolo dei lavoratori «standard» nell’organizzazione del lavoro ha traghettato, non senza contraccolpi, il mondo del lavoro verso strutture meno rigide, aprendo ai soggetti uno spettro di nuove possibilità di carriera e al tempo stesso precludendo loro gli spazi per la tutela di un lavoro

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Sociologia

Autore: Marianna Conte Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 645 click dal 29/07/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.