Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Madri ai margini. Il problema dell'infanticidio.

La curiosità verso il fenomeno dell'infanticidio costituisce il punto di partenza per questa tesi, l'indagine sulla possibile relazione tra una madre che uccide il proprio bambino e la patologia psichiatrica, passando per un excursus storico-culturale che attraversa condizioni normative, dati statistici e un'analisi dei mezzi a disposizione dell'assistente sociale per andare in aiuto di queste donne che vivono una situazione così tragica e di recupero tortuoso.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il sentir parlare di omicidi perpetrati ai danni di bambini, piccoli o grandi che siano, crea stupore e diniego; ma appena si legge nell’articolo di giornale: “ucciso dalla madre”, “soffoca il figlio neonato”, “madre uccide a coltellate figlio di quattro anni”, allora ci si chiede subito come sia possibile che una tragedia simile sia accaduta, non ci si può credere. Si accusa la donna, la madre, di essere “folle”, perché non può succedere ad una persona normale, perché poter generare tanto orrore non ci fa sentire al riparo da noi stessi. Ma cosa si intende con i termini “neonaticidio”, “infanticidio”, “figlicidio”, e quali sono i retroscena che stanno alla base di un gesto ritenuto così inspiegabile? C’è sempre una componente psicopatologica che guida la mamma ad uccidere il proprio figlio o sono presenti variabili concausali socio-ambientali che possono creare i presupposti per l’uccisione del proprio bambino? Ed è possibile per quelle donne che si sono già macchiate di tale crimine poter intraprendere una strada di recupero, una riabilitazione sia sociale che psicologica? Queste sono le prime di una lunga serie di domande che ci permettono di effettuare un’analisi del fenomeno, attraverso un affascinante viaggio nel mondo della psichiatria, del diritto e del crimine. O meglio, della mamma-criminale. L’infanticidio materno genera una curiosità tale da rendere un delitto come quello di Cogne un caso seguito a livello nazionale, supportato energicamente dai mezzi di comunicazione di massa: la morte del piccolo Samuele, i primi sospetti sulla madre, le indagini, il processo e la condanna; è stato tutto scrupolosamente monitorato nel tempo, dove il popolo ha espresso il proprio giudizio e una moltitudine di psichiatri, psicologi, sociologi e altri professionisti hanno fornito il loro contributo, parlandone in televisione, per radio o scrivendo articoli in merito.

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alice Pasin Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7420 click dal 27/08/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.