Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il project financing nel codice dei contratti

Si illustra in cosa consiste l'istituto della finanza di progetto, alla luce dei tre decreti correttivi al codice dei contratti.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE. La finanza di progetto, o project financing, è una tecnica di progettazione e programmazione degli interventi, soprattutto di natura strutturale, di provenienza anglosassone. La finanza di progetto si avvale di un approccio multidisciplinare complesso, finalizzato al finanziamento, alla realizzazione e alla gestione di infrastrutture e opere di pubblica utilità, attraverso l’uso massiccio di finanziamenti provenienti dal settore privato. Essa rappresenta uno dei nuovi modelli che vedono sempre più nel rapporto pubblico/privato, una nuova via per la realizzazione di moderne infrastrutture necessarie allo sviluppo competitivo dei sistemi locali. Un’operazione di finanza di progetto si caratterizza per la capacità del progetto di autofinanziarsi, producendo flussi di cassa sufficienti per ripagare i prestiti accesi per il finanziamento dell’opera e garantendo al contempo una adeguata remunerazione del capitale investito. Con l’istituzione di una Unità Tecnica di Finanza di Progetto all'interno del CIPE ( Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ), il Governo promuove la partecipazione di soggetti privati, prima limitata ai grandi sistemi a rete (trasporti autostradali, ferroviari, sistemi aeroportuali), anche agli interventi che interessano singole comunità (parcheggi, metropolitane, trasporti locali, trattamento delle acque, gestione del patrimonio artistico). 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valerio Meglio Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2120 click dal 31/07/2009.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.