Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Migrazione del segnale analogico al Digital Terrestrial Television - Rischi e opportunità

Non esiste mezzo di comunicazione o apparecchiatura tecnologica che sia estranea o immune dal contagio del digitale e tra breve non esisterà più hardware isolato o scollegato dagli altri.
E’ la rivoluzione del digitale: tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno incominciano a tradursi in bit e a muoversi e svilupparsi in maniera differente rispetto al mondo analogico.
La musica, le parole, le immagini, tutto diventa bit e accessibile facilmente da supporti differenti. Sta succedendo con le informazioni sulla rete, con le radio, con i giornali e accadrà presto anche con la televisione, in transizione verso un sistema chiamato in breve DTT (digital terrestrial television), la televisione digitale terrestre.
Divario, disparità, disuguaglianza digitale saranno le sfide del futuro. Il significano in sostanza è la difficoltà da parte di alcune categorie sociali di usufruire delle tecnologie che utilizzano una codifica dei dati di tipo digitale rispetto a quella analogica. Oggi che l’intero spettro delle attività umane dipende dal potere dell’informazione, l’accesso e l’utilizzo delle tecnologie della comunicazione rappresentano nel nostro mondo un prerequisito per lo sviluppo economico e sociale, equivalenti all’elettricità nell’era industriale. Si potrebbe pensare che la sfida per un umanesimo integrale si gioca anche su questa prospettiva. E’ opportuno rispondere adeguatamente per non rimanere isolati di fronte a questo nuovo sistema dal quale direttamente o non, siamo chiamati in causa.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1. Verso il futuro Non esiste mezzo di comunicazione o apparecchiatura tecnologica che sia estranea o immune dal contagio del digitale e tra breve non esisterà più hardware isolato o scollegato dagli altri. E’ la rivoluzione del digitale: tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno incominciano a tradursi in bit e a muoversi e svilupparsi in maniera differente rispetto al mondo analogico. La musica, le parole, le immagini, tutto diventa bit e accessibile facilmente da supporti differenti. Sta succedendo con le informazioni sulla rete, con le radio, con i giornali e accadrà presto anche con la televisione, in transizione verso un sistema chiamato in breve DTT (digital terrestrial television), la televisione digitale terrestre. Divario, disparità, disuguaglianza digitale saranno le sfide del futuro. Il significano in sostanza è la difficoltà da parte di alcune categorie sociali di usufruire delle tecnologie che utilizzano una codifica dei dati di tipo digitale rispetto a quella analogica. Oggi che l’intero spettro delle attività umane dipende dal potere dell’informazione, l’accesso e l’utilizzo delle tecnologie della comunicazione rappresentano nel nostro mondo un prerequisito per lo sviluppo economico e sociale, equivalenti all’elettricità nell’era industriale. Si potrebbe pensare che la sfida per un umanesimo integrale si gioca anche su questa prospettiva. E’ opportuno rispondere adeguatamente per non rimanere isolati di fronte a questo nuovo sistema dal quale direttamente o non, siamo chiamati in causa. 5

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Luciano Saltarelli Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 397 click dal 26/08/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.