Skip to content

Commento alla sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee del 16 Dicembre 2008, C-210/06 (caso Cartesio)

Informazioni tesi

Giuristi internazionali
  Autore: Tommaso Migliaccio
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2009
Docente/Relatore: Lucia Serena Rossi
Istituito da: Università degli Studi di Bologna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 21

Trasferimento della sede di una società in uno Stato membro diverso da quello di sua costituzione − Domanda di modifica dell’iscrizione relativa alla sede nel registro delle imprese − Diniego − Appello proposto avverso una decisione di un tribunale incaricato della tenuta del registro delle imprese − Art. 234 Tr CE − Rinvio pregiudiziale − Ricevibilità – Nozione di “giurisdizione” − Nozione di “giurisdizione nazionale avverso le cui decisioni non possa proporsi un ricorso giurisdizionale di diritto interno” − Appello proposto avverso una decisione che dispone un rinvio pregiudiziale – Potere del giudice d’appello di riformare tale decisione – Libertà di stabilimento − Artt. 43 Tr CE e 48 Tr CE

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. Il caso La Cartesio Oktató és Szolgáltató bt è una “betéti társaság”, cioè società in accomandita semplice di diritto ungherese avente sede a Baja (Ungheria), costituita il 20 maggio 2004 e iscritta nel registro delle imprese in data 11 giugno 2004. Essa è operante, in particolare, nel settore delle risorse umane, della segreteria, della traduzione, dell’insegnamento e della formazione. Ha due soci che risiedono in Ungheria e sono cittadini ungheresi: l’accomandante, che è tenuto a versare una quota di capitale convenuta – e risponde solo per tale quota –, e il socio accomandatario, che risponde per tutte le obbligazioni della società in accomandita semplice. L’11 novembre 2005 la società presentava una domanda presso il Bács-Kiskun Megyei Bíróság (Tribunale regionale di Bács-Kiskun), in funzione di Cégbíróság (Tribunale incaricato della tenuta del registro delle imprese), al fine di formalizzare il trasferimento della sua sede operativa all’indirizzo «21013 Gallarate (Italia), via Roma n. 16» e pertanto di modificare l’iscrizione relativa alla sua sede, nel registro delle imprese, intendendo tuttavia rimanere registrata in Ungheria e quindi soggetta al diritto societario ungherese. Il Tribunale commerciale respingeva tale domanda poiché la legge ungherese non consente alle società ungheresi di trasferire la loro sede operativa in un altro Stato membro ed affermando che, pertanto, per cambiare la sua sede operativa la Cartesio avrebbe dovuto prima essere liquidata in Ungheria e poi essere ricostituita in Italia secondo la lex societatis italiana. La sede di una società costituita secondo la legge ungherese è infatti il luogo in cui è situata la sua sede operativa («központi ügyintézés helye») e, quindi, si presume che il luogo in cui una società ha la sua sede operativa coincida con il suo luogo di registrazione. Il diritto societario ungherese adotta la teoria della sede effettiva, secondo la quale una società deve pienamente soddisfare i requisiti di diritto societario applicabili nello Stato in cui essa ha la sua sede effettiva per cui il diritto societario ungherese vieta l’ “esportazione” di una persona giuridica ungherese nel territorio di un altro Stato membro. Così, se è possibile per una società costituita a norma del diritto societario ungherese svolgere attività economiche in un altro Stato membro o fondarvi una consociata, la sede operativa deve rimanere in Ungheria. D’altronde, legge Ungherese CXLIV del 1997, relativa alle società commerciali dispone che il «contratto di società (atto costitutivo, statuto della società) menziona: a) la denominazione sociale e la sede della società commerciale» mentre la legge CXLV del 1997, sul registro delle imprese, sulla pubblicità delle società e sui procedimenti giudiziari in materia commerciale afferma che si « intende per società un’organizzazione commerciale […] o un altro soggetto di diritto a carattere commerciale […] che[…].si costituisce mediante iscrizione nel registro delle imprese al fine di realizzare un’attività commerciale lucrativa […]». Ai sensi dell’art. 2, n. 1, di detta legge i « soggetti di diritto di cui all’art. 1 possono figurare nel registro delle imprese se la legge rende obbligatoria o possibile l’iscrizione nel detto registro». Per quanto riguarda il diritto internazionale privato l’ art. 18 del nemzetközi magánjogról szóló 1979. évi 13. törvényerej rendelet (decreto legge n. 13 del 1979 relativo al diritto internazionale privato) è così formulato: «1) La capacità giuridica delle persone giuridiche, il loro status di soggetto esercente un’attività commerciale, i diritti derivanti dalla loro personalità giuridica come pure i rapporti giuridici tra i rispettivi membri sono fissati in base alla loro legge regolatrice. 2) La legge regolatrice delle persone giuridiche è la legge dello Stato nel cui territorio sono registrate. 3) Se una persona giuridica è stata iscritta in forza della normativa di più Stati ovvero se, ai sensi delle norme vigenti nello Stato della sede sociale indicata nello statuto, non è necessaria l’iscrizione, la legge regolatrice della detta persona giuridica è la legge vigente nel luogo della sede indicata nello statuto. 4) Qualora, conformemente allo statuto sociale, la persona giuridica non abbia una sede sociale o ne abbia in diversi Stati membri e, ai sensi della normativa di uno degli Stati, non ne sia necessaria l’iscrizione, la legge regolatrice è quella dello Stato nel cui territorio è situata la sede direttiva». La Cartesio proponeva appello contro la decisione del Tribunale commerciale dinanzi allo Szegedi Ítélőtábla (Corte d’appello di Seghedino) davanti alla quale la Cartesio osservava che la normativa ungherese è in contrasto con gli artt. 43 e 48 Tr CE e che non può imporre alle società ungheresi di scegliere l’Ungheria per stabilirvi la sede. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

234 trattato
43 trattato
48 trattato
avvocato generale
c-210/06
cartesio
comunità europee
corte giustizia
libertà di stabilimento
maduro
sede effettiva
sede legale
trasferimento società

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi