Skip to content

Gli interessi degli amministratori nella società per azioni

Informazioni tesi

  Autore: Ottavio Moccia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Antonio Blandini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

L’obiettivo principale della riforma del diritto societario è stato quello di plasmare le forme giuridiche societarie alle diverse realtà economiche, in modo da creare diversi modelli societari, adatti alle molteplici forme dell’attività imprenditoriale ed uno degli elementi caratterizzanti è risultato essere proprio la nuova definizione del quadro dei diritti e dei doveri degli organi sociali.
Una delle novità più rilevanti della sfera amministrativa attiene alla nuova disciplina (del conflitto e) degli interessi degli amministratori della s.p.a.; sotto diversi aspetti questa tutela la trasparenza delle operazioni nelle quali l’amministratore abbia un qualche interesse innovando radicalmente rispetto alla precedente formulazione che contemplava le sole ipotesi di interesse conflittuale con quello della società; non imponendo agli amministratori interessati l’astensione dal voto, si è optato per un modello che permetta a questi ultimi di votare in consiglio la delibera relativa ad un’operazione nella quale abbia un interesse purché la sua posizione sia resa nota alla società; a tale dovere di disclosure se ne è introdotto uno ulteriore che grava sul consiglio di amministrazione, e riguarda la motivazione del provvedimento assunto. Risultano aumentate le ipotesi di impugnativa della deliberazione da parte degli amministratori non consenzienti e dell’organo di controllo; infatti il legislatore, secondo quanto già delineato nelle precedenti normative, non solo conferma l’impugnabilità quando il voto dell’amministratore interessato sia stato determinante, ma anche quando non siano stati rispettati i doveri di disclosure e di motivazione. Sotto il profilo risarcitorio, mutuandola dalle normative dei paesi più evoluti, si introduce l’importante disciplina del caso in cui l’amministratore utilizzi a proprio vantaggio dati, notizie od opportunità di affari appresi nell’esercizio delle proprie funzioni.
Attraverso una breve panoramica, verranno inizialmente illustrate le risposte normative alla questione da parte dei legislatori dei principali paese europei e della normativa statunitense, evidenziandone i risultati ed i relativi effetti pratici. Tale analisi permetterà poi di valutare in concreto se le scelte del legislatore italiano siano state in linea con le legislazioni dei paesi più evoluti.
Prima di addentrarsi nella specificità dell’argomento degli interessi degli amministratori alla luce della riforma intervenuta qualche anno fa, ho ritenuto opportuna e doverosa inserire una analisi della evoluzione normativa nel nostro paese, che dell’argomento se ne è interessato solo in determinati momenti storici, e con rilievo diverso nel corso degli ultimissimi anni.
Tutto ciò permetterà di apprezzare i risultati raggiunti dalla nuova disciplina in vigore nel nostro paese dal gennaio 2004.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
rapporto di cambio, peraltro, sono lesi gli interessi dei soci di minoranza e non la società controllata. In tale caso la Cassazione ritiene si tratti non di conflitto di interesse ma di abuso di potere. 134 2.4 L’interesse dell’amministratore. Una delle principali novità contenute nel testo dell’art. 2391 135 è rappresentata dal fatto che la disciplina ivi prevista si applica a tutti i casi nei quali un amministratore abbia un «interesse» in una determinata operazione della società, senza la necessità che esso sia in conflitto con quello dell’ente amministrato. La riforma attribuisce rilievo ad ogni interesse particolare dell’amministratore che viene dunque ad essere pertinente alla fattispecie “non solo quando sia in conflitto con l’interesse sociale, ma quando sia 134 Cass. 11 dicembre 2000, n.15599. 135 Art. 2391 – [1] L'amministratore deve dare notizia agli altri amministratori e al collegio sindacale di ogni interesse che, per conto proprio o di terzi, abbia in una determinata operazione della società, precisandone la natura, i termini, l'origine e la portata; se si tratta di amministratore delegato, deve altresì astenersi dal compiere l'operazione, investendo della stessa l'organo collegiale, se si tratta di amministratore unico, deve darne notizia anche alla prima assemblea utile.* [2] Nei casi previsti dal precedente comma la deliberazione del consiglio di amministrazione deve adeguatamente motivare le ragioni e la convenienza per la società dell'operazione. [3] Nei casi di inosservanza a quanto disposto nei due precedenti commi del presente articolo ovvero nel caso di deliberazioni del consiglio o del comitato esecutivo adottate con il voto determinante dell'amministratore interessato, le deliberazioni medesime, qualora possano recare danno alla società possono essere impugnate dagli amministratori e dal collegio sindacale entro novanta giorni dalla loro data; l'impugnazione non può essere proposta da chi ha consentito con il proprio voto alla deliberazione se sono stati adempiuti gli obblighi di informazione previsti dal primo comma. In ogni caso sono salvi i diritti acquistati in buona fede dai terzi in base ad atti compiuti in esecuzione della deliberazione. [4] L'amministratore risponde dei danni derivati alla società dalla sua azione od omissione. [5] L'amministratore risponde altresì dei danni che siano derivati alla società dalla utilizzazione a vantaggio proprio o di terzi di dati, notizie o opportunità di affari appresi nell'esercizio del suo incarico. * Le parole «se si tratta di amministratore unico, deve darne notizia anche alla prima assemblea utile» sono state aggiunte dall'art. 11 del d.lgs. 28 dicembre 2004, n. 310. 81

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

138
150
2325
2373
2381
2391
2475
2497
2624
2631
amministratori
astensione
comunicazione
conflitto
consiglio
corporate opportunities
disclosure
informazione
insider trading
interessi
opportunity
s.p.a.
t.u.f.
validità degli atti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi