Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La metà nascosta dell'arte contemporanea. Storia dell'arte outsider da Prinzhorn ad oggi

Che cos’è l’arte Outsider? Che tipo di rapporti intrattiene con il mondo dell’arte “ufficiale”? Secondo quali aspetti se ne differenzia? Questo scritto, avendo preso in esame il periodo storico che inizia con la pubblicazione nel 1922 del testo Bildnerei der Geisteskranken di Hans Prinzhorn fino a giungere all’analisi degli eventi artistici della contemporaneità, ha elaborato una risposta affidata alle coordinate tracciate della Storia.

La tesi, costruita sull’evidenza della marginalità degli artisti Outsider rispetto il circuito tradizionale dell’arte, ha tracciato il percorso che ha portato le opere d’arte Outsider oltre i confini del pregiudizio medico ed artistico.
In Bildnerei der Geisteskranken, scritto dallo psichiatra e storico dell’arte tedesco Hans Prinzhorn, è stato identificato il primo importante contributo verso una ricezione dell’arte nata nei luoghi della cura mentale liberata dai pregiudizi. Se, a partire dalle tesi di Cesare Lombroso fino a giungere alla mostra nazionalsocialista Entartete Kunst del 1937- 41, nell’ “arte psicopatologica” si è preteso di poter riconoscere il segno della condizione psicotica dell’artista, dunque della devianza dalla “normalità”, l’analisi di Bildnerei der Geisteskranken ha rivelato la grande modernità dell’approccio di Prinzhorn che è arrivato all’elaborazione di una psicologia e psicopatologia dell’espressione figurativa, forte sia dell’avanzata eziologia del fenomeno schizofrenico che delle ricerche promosse dall’avanguardia espressionista.

Una parte della tesi ha preso in esame il legame che ha stretto l’arte Outsider della prima metà del XX secolo alle avanguardie artistiche. L’interrogazione sull’esistenza di un’influenza reciproca o univoca, ha messo in luce il rapporto paradossale instaurato da artisti come Paul Klee e Max Ernst con le opere d’arte irregolare. L’esempio dei due artisti dimostra come la scoperta dell’immediatezza espressiva paradossalmente è un’azione mediata dall’uso e dalla strumentalizzazione delle produzioni espressive nate negli istituti manicomiali.
Con l’attenzione rivolta in modo particolare al periodo del secondo dopoguerra, la tesi documenta gli effetti della diffusione del testo del medico tedesco sul mondo dell’arte e narra dell’incontro dell’artista, collezionista e teorico Jean Dubuffet con l’arte irregolare, che il maestro dell’Informale battezzerà Art Brut.

Dall’analisi delle più recenti tappe del percorso di legittimazione dell’arte marginale sono emersi i nuovi agenti che ne hanno favorito lo sviluppo. I responsabili di questo processo sono stati ravvisati da una parte nel più vasto interesse verso l’alterità fiorito in epoca postmoderna e dall’altra nel concreto interesse da parte del mercato, del collezionismo e degli enti museali nei confronti dell’arte irregolare. In base a queste evidenze si è potuta dimostrare la fine della clandestinità artistica dell’arte Outsider storica ed è stata suggerita la strada per la piena accettazione dell’arte Outsider attuale nel circuito dell’arte.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Introduzione Ma poi, che cos’è un nome?… Forse che quella che chiamiamo rosa cesserebbe d’avere il suo profumo se la chiamassimo con altro nome? (Giulietta, Scena II, Atto II, Romeo e Giulietta, William Shakespeare) Era il 1973, quando i Pink Floyd cantavano “la metà oscura della luna” 1 . Solo un anno prima lo storico dell’arte Roger Cardinal aggiunse un nuovo fondamentale tassello al percorso di rivelazione dell’arte Outsider, con la pubblicazione dell’omonimo testo Outsider Art. Come la luna, anche la storia dell’arte, ha due volti. Un volto sempre visibile, talmente visibile, che potrebbe far pensare di essere l’unico. L’altro volto è semplicemente nascosto al nostro sguardo ed aspetta solo di essere illuminato. La storia dell’arte chiamata Outsider, o “marginale”, o “irregolare” è una lunga storia fatta di svelamenti. In questo scritto si è scelto di raccontare l’aspetto contemporaneo di questa storia, a partire dal primo importante contributo, Bildnerei der Geisteskranken, scritto dallo storico dell’arte e psichiatra tedesco Hans Prinzhorn nel 1922, fino a giungere alla situazione odierna. La scelta di narrare gli avvenimenti secondo una prospettiva cronologica ha favorito la suddivisione del testo in tre capitoli, che seppur autonomi, sono legati alle coordinate già fissate dalla Storia. Nel primo capitolo è stata ricostruita una panoramica storica della visione con cui la società occidentale si è accostata alla produzione plastica dei malati mentali. Il capitolo è suddiviso in quattro sezioni. La prima sezione presenta il contesto storico e culturale nel quale iniziano a svilupparsi i primi interessi indirizzati verso l’arte prodotta da artisti non professionisti. Si vedrà come l’evoluzione della ricezione di queste opere inizialmente troverà un fertile terreno nell’ ambito psichiatrico. Le creazioni nate spontaneamente, e spesso in clandestinità, nei manicomi, durante la seconda metà del XIX secolo, furono fonte di interesse e curiosità per alcuni medici. 1 The Dark Side of the Moon è l’album dei Pink Floyd, pubblicato nel 1973 dalla EMI. Fu registrato negli studi di Londra della stessa EMI tra il Giugno 1972 e il Febbraio 1973.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carole Tansella Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7107 click dal 31/08/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.