Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storicità e narrazione. Situazioni e prospettive di un rapporto tra discipline in tre romanzi storici italiani.

L'idea di romanzo storico è connaturata al concetto d'indagine storica. Caratteristica di questo genere è la necessità di rendere sulla pagina un processo storico, analizzato attraverso l'ottica dell'autore, spesso cogliendo ciò che di quel periodo, alla luce del futuro, resta impigliato nella rete della storia.
Rapportarsi con il concetto di romanzo storico, comporta intendere questo e l'idea di "genere" come un modello aperto, capace di incidere sia sul momento della produzione che su quello della ricezione, collocandosi in un processo di interazione complesso, tra i poli che condizionano la produzione letteraria: tradizione, canone, tendenze letterarie ed estetiche, scuole accademiche, strutture editoriali e di mercato. In secondo luogo si deve sottolineare come il termine “storia” sia portatore di un significato duplice di processo e narrazione, di res gestae (storia) e di historia rerum gestarum (Storia). La storiografia contemporanea si è liberata dalle vecchie speculazioni filosofiche alla ricerca del "significato globale" del processo storico . Cosa possiamo dire del suo rapporto con la cultura letteraria, con la letteratura e, in particolare, con il romanzo storico? Nella tesi verrà analizzato il particolare rapporto tra Storia e Narrazione accostando tre romanzi storici italiani, atti a stimolare tale riflessione interdisciplinare e metastorica: "I Vicerè" di Federico De Roberto, "Contro-passato prossimo” di Guido Morselli e "Q" di Luther Blisset. L’analisi del potere attuata dagli autori, nei romanzi presi in considerazione, scardina l’ordinario rapporto puramente descrittivo tra mondo e Storia, per insidiarlo dall’interno del romanzo stesso con una descrizione priva di retorica mostrando i “fili” che muovono le vicende umane. Se la storiografia non ha volontà o possibilità critica nei confronti della modernità, il romanzo storico cerca di ricostruire dinamiche che possono fuggire alla storia ufficiale o esserne escluse.

Mostra/Nascondi contenuto.
                   ()     *  %     )     +%    *       %  %  ,       )   )%  ,   - +%  ,  %   % %,                    ,       +%   )   .   .   %     ,        %      %    % +%      , %    ,       %   /  ,  ,         , %    , % %      0 %                %  %     ,      1 2            (      *     ,       %    ,       %             %       '  3     %    % %  ,     % ,    ,    4   5 (%67        ,       ,.       .0         * +%      %    %          /          , ,      +%                8 %         /35 ,             ,(  ,9 3,:::, !     ;% ,    5 ,3 ,::#< ,#   5(%67 ,   ,=,>%,:"< ,$

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mauro Apostolico Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1657 click dal 09/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.