Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione del trade-off tra esclusività ed accessibilità. Il caso Louis Vuitton.

l lavoro esamina le varie leve strategiche utilizzate dalle aziende del lusso per gestire la contrapposizione tra accessibilità e esclusività. Nella prima parte è analizzato il concetto di brand, di comunicazione, di distribuzione e segmentazione. Nella seconda parte è approfondito il caso del brand “Louis Vuitton”. Nella terza è analizzata la situazione congiunturale del settore lusso, le possibili dinamiche evolutive e le prospettive di cambiamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 “LA GESTIONE DEL TRADE-OFF TRA ESCLUSIVITA’ ED ACCESSIBILITA’. IL CASO LOUIS VUITTON” INTRODUZIONE Negli ultimi anni il mondo del lusso è cambiato, grandi corporation e gruppi finanziari hanno acquistato aziende della moda e del lusso dando il via a un fenomeno di massificazione del lusso o meglio del desiderio del lusso, con l’avvicinamento dello stesso alla classe media. I grandi gruppi hanno costruito veri imperi puntando su un modello di business che riesce a mantenere l’esclusività ed il prestigio del brand pur realizzando elevatissimi volumi di vendita. Il lusso è sempre più un concetto multidimensionale e relativo. Esistono visioni e attitudini diverse nei confronti del lusso, non è un concetto univoco; il lusso si sta diffondendo secondo logiche nuove; i marchi storici estendono la loro offerta verso un numero di clienti sempre più ampio, con prodotti più accessibili dal punto di vista del prezzo(trading down) e allo stesso tempo il mercato di massa si sta qualificando tramite strategie di “trading up” basate sull’appropriazione di logiche gestionali tipiche del lusso. Il mercato del lusso si apre al “cliente medio” che si concede prodotti e servizi di qualità e prezzo sempre più elevati. I marchi sviluppano un’offerta molto diversificata, linee di prodotto con posizionamenti diversi per rispondere alle esigenze di consumatori con caratteristiche demografiche (reddito, età, area geografica) e psicografiche(stili di vita) diverse. Le estensioni di linea, lo sviluppo di un’offerta più ampia se ben gestite rappresentano un’importante possibilità di crescita. Le aziende devono essere in grado di gestire il trade-off tra l’offerta di prodotti accessibili e di prodotti esclusivi. Le imprese del lusso devono conciliare due logiche di business dicotomiche, facendo in modo che la propria offerta se pur connotata da una nuova accessibilità sia percepita in toto come inaccessibile, elitaria e limitata.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Federica Cingolani Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9081 click dal 24/11/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.