Skip to content

Le bolle speculative

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Cascione
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Andrea Monticini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

Il mercato finanziario sta prendendo sempre più spazio all’interno del mondo di tutti i giorni: ogni giorno sempre più persone hanno a che fare con questa realtà “virtuale” ed ovunque si può sentir parlare di borsa e di andamenti azionari.
Se da un lato questo ha portato al suo sviluppo e quindi a tutti gli aspetti positivi che un mercato finanziario può dare come supporto all’attività reale, dall’altro può portare a situazioni “drammatiche” in seguito a dure crisi e a comportamenti non del tutto razionali da parte di molti possessori di titoli.
A causa della loro inesperienza o perché trascinati dall’entusiasmo o dal terrore che ruota attorno al mercato finanziario o ancora a causa di ciò che i vari media mettono in evidenza possono essere spinti a compiere azioni irrazionali.
Questi comportamenti uniti spesso anche a motivi di natura reale possono portare ad una delle situazioni più pericolose, se non previste, ed estremamente redditizie se fiutate, che possono verificarsi nel mercato finanziario: le bolle speculative.
Con il termine bolla speculativa si intende un forte aumento del prezzo dei titoli, relativi ad una determinato settore, che non è possibile ricollegare ad una effettiva variazione dei valori fondamentali, quali l’aumento della domanda o la riduzione dell’offerta, che sottostanno al prezzo reale di un titolo.
L’aumento in questione può essere invece trascinato dall’euforia degli investitori che vedendo aumentare il prezzo di un’azione sono spinti da fini speculativi a comprare anch’essi l’azione in oggetto creando una sorta di circolo vizioso che porta all’aumento vertiginoso dei corsi dei titoli.
Fino a che i prezzi continuano ad aumentare non ci sono problemi, ma nel momento in cui il rialzo di questi prezzi si blocca o addirittura si iniziano ad avere variazioni negative scoppia la bolla e si presentano ampie perdite per tutti coloro che possiedono quelle determinate azioni nel loro portafoglio.
Nel corso della storia si sono verificati diversi casi di bolle speculative, da quella dei tulipani olandesi del 1630 a quella del giovedì nero americano del 1929 per arrivare poi ai giorni nostri con le bolle della new economy relative alle “dot com” nei primi anni del 2000, la bolla immobiliare del 2007 ed infine la bolla del petrolio.
Ma come si presenta una bolla speculativa e quali sono le cause che portano alla loro creazione ed alla loro espansione, ed ancora, è possibile prevederle prima del loro scoppio?
Inizierò partendo da una prima spiegazione di cosa siano le bolle speculative e di quali siano i fattori chiave che possono portare alla loro creazione, anche attraverso esempi di bolle avvenute nella storia passata, per arrivare poi ad analizzare in particolare le bolle più recenti come quella di internet e quella del mercato immobiliare.
Cercherò, infine, di effettuare una stima econometrica con lo scopo di trovare se esiste una correlazione tra le bolle speculative ed il rapporto prezzi/utili che possa essere riscontrato nelle diverse occasioni in cui si sono presentate delle bolle nel corso della storia economica recente, proseguendo il percorso iniziato da Robert Shiller nel suo libro “Euforia irrazionale” riguardante i dati precedenti all’anno 2000, anno in cui si temeva per la presenza della bolla relativa ai settore internet.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il mercato finanziario sta prendendo sempre più spazio all’interno del mondo di tutti i giorni: ogni giorno sempre più persone hanno a che fare con questa realtà “virtuale” ed ovunque si può sentir parlare di borsa e di andamenti azionari. Se da un lato questo ha portato al suo sviluppo e quindi a tutti gli aspetti positivi che un mercato finanziario può dare come supporto all’attività reale, dall’altro può portare a situazioni “drammatiche” in seguito a dure crisi e a comportamenti non del tutto razionali da parte di molti possessori di titoli. A causa della loro inesperienza o perché trascinati dall’entusiasmo o dal terrore che ruota attorno al mercato finanziario o ancora a causa di ciò che i vari media mettono in evidenza possono essere spinti a compiere azioni irrazionali. Questi comportamenti uniti spesso anche a motivi di natura reale possono portare ad una delle situazioni più pericolose, se non previste, ed estremamente redditizie se fiutate, che possono verificarsi nel mercato finanziario: le bolle speculative. Con il termine bolla speculativa si intende un forte aumento del prezzo dei titoli, relativi ad una determinato settore, che non è possibile ricollegare ad una effettiva variazione dei valori fondamentali, quali l’aumento della domanda o la riduzione dell’offerta, che sottostanno al prezzo reale di un titolo. L’aumento in questione può essere invece trascinato dall’euforia degli investitori che vedendo aumentare il prezzo di un’azione sono spinti da fini speculativi a comprare anch’essi l’azione in oggetto creando una sorta di circolo vizioso che porta all’aumento vertiginoso dei corsi dei titoli. Fino a che i prezzi continuano ad aumentare non ci sono problemi, ma nel momento in cui il rialzo di questi prezzi si blocca o addirittura si iniziano ad avere variazioni negative scoppia la bolla e si presentano ampie perdite per tutti coloro che possiedono quelle determinate azioni nel loro portafoglio. Nel corso della storia si sono verificati diversi casi di bolle speculative, da quella dei tulipani olandesi del 1630 a quella del giovedì nero americano del 1929 per arrivare poi ai giorni nostri con le bolle della new economy relative alle “dot com” nei primi anni del 2000, la bolla immobiliare del 2007 ed infine la bolla del petrolio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bolla
econometrica
euforia irrazionale
immobiliare
internet
petrolio
rapporto prezzo utili
regressione
speculativa
tassi della fed
tulipani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi