Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'effetto redistributivo dell'imposta progressiva - Applicazione del sistema svedese in Italia

Il presente lavoro è il risultato dello sviluppo di un’idea formatasi in seguito a due approfondimenti effettuati durante gli studi per la Laurea Magistrale. Il primo stimolo è venuto dalla comparazione di variabili macroeconomiche di alcuni paesi facenti parte dell’Ocse, nei quali veniva in particolare evidenza la distribuzione del reddito netto in Svezia tra i decili della popolazione. Il secondo stimolo è venuto dallo studio della tassazione dei redditi da capitale, segmento in cui particolare rilievo assume il sistema di dual income tax, del quale i paesi Nordici sono stati i primi utilizzatori. In seguito all’approfondimento delle caratteristiche del sistema fiscale della Svezia che, tra i paesi Nordici, ha la distribuzione più egualitaria dei redditi, lo studio dei differenziali tra gli indicatori di disuguaglianza con il nostro paese – l’Italia – ha stimolato la curiosità verso una possibile applicazione del sistema di imposizione personale sui redditi svedese in Italia, al fine di vagliare eventuali effetti benefici di un tale cambiamento di legislazione. A tal fine, è stata approfondita la conoscenza di tre dei quattro paesi Nordici (Svezia, Finlandia e Norvegia), per comprendere il più possibile i meccanismi che guidano i sistemi fiscali Scandinavi, mentre il focus dell’analisi è stato collocato su Svezia e Italia i cui sistemi tributari presentano diversi punti in comune. La simulazione è stata poi resa possibile dalla disponibilità di un modello di microsimulazione nel quale si trovano i dati relativi alla distribuzione italiana dei redditi lordi. Lo scopo del lavoro è quello di verificare se, introducendo la legislazione sull’imposta progressiva svedese in Italia, esistano margini di miglioramento nell’equità della distribuzione dei redditi post-imposta. Nella lettura dei risultati si tiene conto anche delle differenze che intercorrono tra i sistemi fiscali dei due paesi, differenze che posso rivelarsi determinanti laddove influenzino l’importanza e il ruolo che il sistema stesso dà all’imposta personale progressiva sui redditi.

Il presente lavoro è strutturato nel modo seguente. Nel capitolo I è effettuata un’analisi comparativa di alcuni aggregati fiscali, dai quali emergono le caratteristiche di fondo dei sistemi di Svezia e Italia; nel capitolo II, dopo una breve trattazione delle principali conclusioni della tassazione ottimale e dei vari tipi di imposta sul reddito, sono analizzate le caratteristiche formali dell’imposizione personale di Svezia e Italia; nel capitolo III vengono trattati istituti alternativi all’imposta personale progressiva – come i trasferimenti – per raggiungere l’obiettivo della redistribuzione e sono introdotti gli indicatori maggiormente utilizzati nella misurazione della disuguaglianza, della redistribuzione e della progressività. Inoltre, nel capitolo III sono analizzate le distribuzioni del reddito in Svezia e Italia utilizzando gli indicatori presentati nel medesimo capitolo. Nel capitolo IV sono poi riportati i risultati della simulazione che riguarda l’applicazione dell’imposta progressiva derivante dalla legislazione fiscale svedese in Italia. Nell’ultima parte sono poi tratte alcune considerazioni conclusive.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro è il risultato dello sviluppo di un’idea formatasi in seguito a due approfondimenti effettuati durante gli studi per la Laurea Magistrale. Il primo stimolo è venuto dalla comparazione di variabili macroeconomiche di alcuni paesi facenti parte dell’Ocse, nei quali veniva in particolare evidenza la distribuzione del reddito netto in Svezia tra i decili della popolazione. Il secondo stimolo è venuto dallo studio della tassazione dei redditi da capitale, segmento in cui particolare rilievo assume il sistema di dual income tax, del quale i paesi Nordici sono stati i primi utilizzatori. In seguito all’approfondimento delle caratteristiche del sistema fiscale della Svezia che, tra i paesi Nordici, ha la distribuzione più egualitaria dei redditi, lo studio dei differenziali tra gli indicatori di disuguaglianza con il nostro paese – l’Italia – ha stimolato la curiosità verso una possibile applicazione del sistema di imposizione personale sui redditi svedese in Italia, al fine di vagliare eventuali effetti benefici di un tale cambiamento di legislazione. A tal fine, è stata approfondita la conoscenza di tre dei quattro paesi Nordici (Svezia, Finlandia e Norvegia), per comprendere il più possibile i meccanismi che guidano i sistemi fiscali Scandinavi, mentre il focus dell’analisi è stato collocato su Svezia e Italia i cui sistemi tributari presentano diversi punti in comune. La simulazione è stata poi resa possibile dalla disponibilità di un modello di microsimulazione nel quale si trovano i dati relativi alla distribuzione italiana dei redditi lordi. Lo scopo del lavoro è quello di verificare se, introducendo la legislazione sull’imposta progressiva svedese in Italia, esistano margini di miglioramento nell’equità della distribuzione dei redditi post-imposta. Nella lettura dei risultati si tiene conto anche delle differenze che intercorrono tra i sistemi fiscali dei due paesi, differenze che posso rivelarsi determinanti 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefano Guidi Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1531 click dal 08/10/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.