Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Musica, denuncia, protesta. Il Gruppo Operaio 'E Zezi di Pomigliano d'Arco.

Ripercorrere l'esperienza musicale del Gruppo Operaio 'E Zezi di Pomigliano d'Arco significa analizzare i profondi sconvolgimenti socio-culturali imposti nella cittadina partenopea a causa della nascita dell'industria pesante.
La crisi dei sani valori contadini ed il disincanto della classe operaia, infatti, portarono alla necessità di una 'voce' che potesse allo stesso tempo rispolverare la tradizione e denunciare la condizione degli operai.
Il lavoro si conclude con l'analisi musicologica di due brani trattanti la piaga, purtroppo ancora attuale, delle morti bianche.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Con questo lavoro ci si propone di analizzare la parabola artistica del Gruppo Operaio ‘E Zezi di Pomigliano d’Arco tenendo conto delle dinamiche sociali che hanno reso necessario lo sviluppo di una ‘voce’ che tramandasse alle generazioni future i valori e le tradizioni contadine e al tempo stesso denunciasse le condizioni degli operai. In particolare, saranno analizzati lo sconvolgimento socio-culturale, la disumanizzazione e la crisi dei valori contadini indotti dalla nascita dell’industria pesante nel comune di Pomigliano d’Arco, nascita che ha provocato la quasi perdita delle tradizioni locali. In questo contesto, il Gruppo Operaio si configurò dapprima come una sorta di dopolavoro che si proponeva il recupero delle tradizioni all’apparenza perdute, in particolare la rappresentazione tipica del carnevale pomiglianese, la Canzone di Zeza, dalla quale presero il nome. Le prime esibizioni furono infatti tese alla rievocazione della tipica farsa carnevalesca, riproposta di cortile in cortile provocando un vero e proprio corteo festoso che attraversava le vie della cittadina. A questa fase seguì una vera e propria maturazione artistica che consentì la nascita di veri e propri capolavori della canzone dialettale rimasti nell’immaginario collettivo di tutti i cittadini, canzoni che si potrebbero ricondurre a due filoni principali: la rievocazione della tradizione e la denuncia sociale. L’analisi dell’esperienza musicale de ‘E Zezi sarà suffragata da materiale reperito direttamente in loco, quali articoli e pubblicazioni locali, e dalla viva voce dei protagonisti e del pubblico che, in tutti questi anni, ha supportato il Gruppo.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Fabrizio D'alise Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 579 click dal 08/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.