Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Espressione dei recettori 5-HT7 nell’intestino di cavia e loro ruolo nella motilità intestinale

SCOPO: 1) Determinare la presenza e l’espressione relativa dei trascritti (mRNA) dei recettori 5-HT7 mediante RT-PCR qualitativa e quantitativa in campioni di ileo e colon distale di cavia. 2) Verificare, attraverso l’attivazione dei recettori 5-HT7, se la serotonina endogena sia coinvolta nella modulazione dell’accomodazione della muscolatura circolare durante la fase preparatoria della peristalsi nell’ileo e nel colon isolati di cavia. A questo scopo viene utilizzato l’antagonista selettivo dei recettori 5-HT7, SB 269970.
MATERIALI E METODI: Real-Time PCR quantitativa e qualitativa, utilizzando strumentazione LightCycler (Roche Applied Science).
Studi funzionali su segmenti di ileo distale e colon distale di cavia: entrambi posti in un bagno per organi isolati in cui veniva indotta la peristalsi e misurate l’accomodazione e la forza propulsiva (sia in condizioni fisiologiche, sia in presenza di SB 269970).
RISULTATI: I prodotti di PCR corrispondenti agli mRNA dei recettori 5-HT7 nell’ileo e nel colon di cavia sono tutti presenti. Differenze sono state invece riscontrate nella Real-Time PCR quantitativa: nell’ileo distale la densità dei recettori è molto maggiore (4,3 pg) a quella del colon distale (3,7 fg).
Nell’ileo SB 269970 (100 nM) aumenta in modo significativo la pressione soglia a 108±7 Pa (33,3%) dopo 60 min (p<0,05) e a 103±6 Pa (27,1%) dopo 90 min (p<0,001). SB 269970 non influisce sulla quantità di liquido necessaria per indurre la fase di svuotamento della peristalsi (è stata osservata una diminuizione non significativa dopo 90 min, 540±51 µl, n=8), la pressione residua o il volume residuo dopo il completamento dell’evento peristaltico. L’accomodazione della muscolatura circolare alla fine della fase preparatoria, è stata ridotta del 27,5% dopo 60 e 90 min di contatto.
Nel colon la somministrazione di SB 269970 alla concentrazione di 100 nM non ha provocato significative modificazioni nell’accomodazione (distensioni esaminate dopo 20, 50 e 80 minuti di contatto). Per valutare invece l’attività propulsiva nel colon, si è costruita una curva concentrazione-risposta in presenza di SB 269970 (0,001-1 µM) che mette in luce una marcata diminuzione della propulsione.
CONCLUSIONI: Questo studio dimostra che i recettori 5-HT7: 1) sono espressi in quantità variabile nelle varie regioni del tratto gastrointestinale di cavia. 2) modulano l’accomodazione della muscolatura circolare durante la fase preparatoria della peristalsi nell’ileo isolato di cavia. 3) non modulano l’accomodazione della muscolatura circolare nel colon distale di cavia, ma partecipano alla regolazione dell’attività propulsiva colica. I dati del presente studio rafforzano l’ipotesi che i recettori 5-HT7 giochino un ruolo importante nella peristalsi intestinale e che possano agire come bersaglio principale della 5-HT endogena. Gli antagonisti dei recettori 5-HT7 possono quindi rappresentare un’efficace prospettiva terapeutica per patologie funzionali intestinali.

Mostra/Nascondi contenuto.
                                     !"    # $ " % &"    "  "   "    #               %'"    "    "  (           "     !"          )*   )*$+ % ' )*$+        ,-     . /    0   "           "     ""                     " " # 1""###   #    % "   "  "         ##0  "    "  #   2      % 3" /  4)5 0 6  "   )*  !" 7         !  %               #       68    "      3"9  ":   )*  !" " #            "     "      #                   ;<3"9 48) % 

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Marco Bocchio Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1052 click dal 11/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.