Skip to content

La politica di immigrazione e di asilo nell'Ue contenuta nel programma dell'Aja

Informazioni tesi

  Autore: Maria Assunta Caputo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Lettere
  Relatore: Antonio Lanzaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

Nel corso degli ultimi anni, l’intensa crescita dei flussi migratori verso gli Stati europei e la conseguente partecipazione sempre più rilevante degli stranieri di provenienza non comunitaria allo sviluppo economico e sociale dell’Europa hanno posto l’esigenza di adottare una politica comune europea in materia di immigrazione. L’obiettivo della disciplina europea di contribuire alla creazione effettiva di uno spazio comune di libertà, sicurezza e giustizia, all’interno del quale le persone possano circolare liberamente, fissato con il Trattato di Amsterdam, viene, in seguito, rilanciato dal Consiglio europeo di Tampere nel 1999, in cui si è parlato di prevenzione e contrasto dell’immigrazione clandestina e di una gestione più efficace dei flussi migratori, e dal Consiglio di Laeken nel 2001, durante il quale gli stati partecipanti hanno assunto l’impegno ad adottare una reale politica comune europea in materia di immigrazione ed asilo. Il percorso degli Stati verso la realizzazione di una politica comune europea in materia di immigrazione, prosegue con il Trattato di Nizza, firmato il 26 febbraio 2001 ed entrato in vigore il 1° febbraio 2003. Il “Trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa”, il cui testo è stato approvato il 18 giugno 2004, costituisce un’altra importante tappa lungo il difficile cammino verso la realizzazione di una delle più significative manifestazioni dell’integrazione europea. Il trattato, considera la materia immigrazione come uno degli elementi dello “spazio di libertà, sicurezza e giustizia”, previsto nella parte III. In particolare la Costituzione prevede misure volte “a incentivare e sostenere l’azione degli Stati membri al fine di favorire l’integrazione dei cittadini di paesi terzi regolarmente soggiornanti nel loro territorio” e afferma, al contempo, il diritto degli Stati di “determinare il volume di ingresso nel loro territorio dei cittadini di paesi terzi” che emigrano per trovare lavoro subordinato o autonomo. Le ambizioni espresse nel Trattato Costituzionale sono rafforzate dal cosiddetto Programma dell'Aja. Il piano, approvato durante il Consiglio europeo di Bruxelles del 4-5 novembre 2004, contempla tutti gli aspetti delle politiche connesse allo spazio di libertà, sicurezza e giustizia: diritti fondamentali e cittadinanza, asilo e migrazione, gestione delle frontiere, integrazione, lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata, cooperazione in materia giudiziaria e di polizia e diritto civile. Nell’ambito dello sviluppo delle politiche comuni su asilo, migrazioni e controllo delle frontiere, i principi di base sono stati individuati nella giusta condivisione di responsabilità fra gli Stati membri, nello scambio di informazioni, di assistenza e di competenze e, più in generale, in una maggiore cooperazione fra i Paesi comunitari. Secondo il Programma dell’Aja dell’Ue continua a sostenere una piena integrazione dei cittadini provenienti da Paesi terzi e residenti legalmente nei territori comunitari cercando di eliminare forme di esclusione o di discriminazione. Su invito del Consiglio europeo, la Commissione, nel giugno 2005, ha adottato il Piano d'Azione che traduce in misure concrete gli obiettivi del Programma e propone una tabella di marcia precisa per la loro realizzazione. Questo Piano di 5 anni definisce misure concrete per rafforzare la sicurezza dei cittadini, per combattere il terrorismo, per rafforzare i confini esterni dell’Unione, per combattere contro la droga, il traffico di esseri umani e il crimine organizzato, oltre a stabilire misure per salvaguardare i diritti fondamentali, aumentare la cooperazione giudiziaria e agevolare l’accesso alla giustizia in tutta l’Unione; propone, inoltre, una politica comune in materia di immigrazione. Il rafforzamento dello spazio di libertà, sicurezza e giustizia, obiettivo di queste normative, costituisce una tappa essenziale per garantire comunità sicure, reciproca fiducia e Stato di diritto in tutta l'Unione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1    INTRODUZIONE Nel corso degli ultimi anni, l’intensa crescita dei flussi migratori verso gli Stati europei e la conseguente partecipazione sempre più rilevante degli stranieri di provenienza non comunitaria allo sviluppo economico e sociale dell’Europa hanno posto l’esigenza di adottare una politica comune europea in materia di immigrazione. L’obiettivo della disciplina europea di contribuire alla creazione effettiva di uno spazio comune di libertà, sicurezza e giustizia, all’interno del quale le persone possano circolare liberamente, fissato con il Trattato di Amsterdam, viene, in seguito, rilanciato dal Consiglio europeo di Tampere nel 1999, in cui si è parlato di prevenzione e contrasto dell’immigrazione clandestina e di una gestione più efficace dei flussi migratori, e dal Consiglio di Laeken nel 2001, durante il quale gli stati partecipanti hanno assunto l’impegno ad adottare una reale politica comune europea in materia di immigrazione ed asilo. Il percorso degli Stati verso la realizzazione di una politica comune europea in materia di immigrazione, prosegue con il Trattato di Nizza, firmato il 26 febbraio 2001 ed entrato in vigore il 1° febbraio 2003. Il “Trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa”, il cui testo è stato approvato il 18 giugno 2004, costituisce un’altra importante tappa lungo il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

3 obiettivi perseguiti dalla disciplina legislati
accordo schengen
cooperazione fra autorità giudiziarieasilo im
diritto d'asilo
diritto d'asilo precedura semplificata ed ordinari
garantire i diritti fondamentali
le stuazione di protezione internazionale
legge 189\220
legge 40 \98
legge del 6 marzo 1998 n 40
lo status di rifugiato
lotta al terrorismoc
lotta alla criminalità
migrazione
nuove sfide
ontesto migratorio in italia fino al 1998
opinabile stralcio del diritto d'asilo
periodo immigratori i2001\02
piano d'azione
programma dell'aja
strategia in materia di droga
strumenti derivati dall'appartenenza all'u.e.
strumenti internazionali di tutela dello straniero
tampere e aja

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi