Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cloud Computing, infrastrutture innovative per l'outsourcing di applicazioni e servizi

La tesi in oggetto approfondisce le nuove tecnologie di Cloud Computing. Il Cloud Computing, ovvero “nuvola informatica”, sta ad indicare internet.
Le tecnologie che permettono di realizzare servizi di Cloud Computing rendono possibile l'outsourcing delle risorse, ovvero l'esternalizzazione delle stesse. Il vantaggio di questo approccio è dato dal fatto che imprese e pubbliche amministrazioni hanno la possibilità di svincolarsi dall'onerosa gestione di infrastrutture e applicazioni locali (cioè entro le proprie mura) affidandosi a grandi società specializzate, come Google o Amazon.
Il modello economico, basato sul principio per cui si paga solo quello che si consuma (pay-per-use), permette alle imprese di non avere un investimento capitale iniziale, ma solamente spese operative.
Un mutamento analogo avvenne anche in campo industriale, agli inizi del XX secolo, quando le imprese passarono da una produzione autonoma di energia, all'utilizzo dell'energia derivante dalla rete elettrica erogata da aziende specializzate in quel settore. Questo favorì l'innovazione grazie alla focalizzazione delle risorse nell'attività centrale delle aziende (core business), e permise di far leva su una flessibile e pronta risposta a un'irrefrenabile richiesta interna di energia (potenza richiesta dai macchinari, dagli impianti di illuminazione, ecc.).
I vantaggi derivanti dalle tecnologie di Cloud Computing mettono però le aziende nella condizione di affidare i propri dati alle società fornitrici di servizi; questa situazione può portare eventuali rischi ed implicazioni a livello di sicurezza e privacy.

Mostra/Nascondi contenuto.
Universit degli Studi di Ferrara Introduzione L’evoluzione tecnologica in ambito informatico e delle telecomunicazioni porta inevitabilmente aziende e in minor misura utenti finali a un costante impegno per restare al passo con i tempi evolutivi. Questo scenario spinge in senso lato a un continuo aggiornamento di mezzi e risorse, richiedendo, da parte delle aziende in primis e da parte degli utenti finali in secundis, un ingente e assiduo investimento economico. Le aziende (pubbliche o private che siano) devono in primo luogo fare i conti con un’infinit di servizi eterogenei in costante evoluzione che spesso richiedono un utilizzo sinergico degli stessi, trovandosi nel corso della propria vita di fronte alla necessit di piø cambiamenti tecnologici volti a no n invecchiare. La mancanza d’innovazione e di un incessante aggiornamento pu essere altamente penalizzante per l’azienda, soprattutto se essa stessa opera o fa uso intensivo di risorse tecnologiche, ovvero sistemi informatici, in settori profondamente evolutivi. Sin dagli anni ’90 attraverso il Grid Computing, ovvero il calcolo distribuito, si Ł assistito a una ricerca di interazione tra sistemi di elaborazione dislocati per il pianeta ai fini di una cooperazione a livello computazionale tale da riuscire a svolgere calcoli, di vario tipo e scopo, altrimenti impossibili per una sola macchina. Affidabilit e flessibilit sono inoltre due aspett i a cui le aziende hanno sempre puntato e a cui non possono rinunciare, soprattutto in un contesto altamente competitivo. La tecnologia che permette di avere servizi distribuiti flessibili e massimamente affidabili on-demand, ovvero in caso di necessit , prende il nome di Cloud Computing. Questo rappresenta una forte innovazione per le imprese che possono decidere di 1

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Ongaro Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8221 click dal 11/09/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.