Skip to content

CAPM: dalla teoria all'evidenza empirica

Informazioni tesi

  Autore: Marta Prosperi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Giorgio Di Giorgio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

I rendimenti attesi degli azionisti o più in generale il costo del capitale azionario rappresenta uno dei temi maggiormente discussi all'interno della Teoria Finanziaria.
I contributi principali in tale ambito sono stati forniti dalla letteratura anglosassone e americana ed in particolare da Hanry Markowitz il quale, postulando l'avversione al rischio da parte degli investitori, pose le basi per l'individuazione delle due variabili considerate nelle decisioni d'investimento: il rendimento atteso e la varianza del titolo.
In seguito Sharpe, Lintner e Mossin elaborarono indipendentemente il Capital Asset Pricing Model, ovvero un modello che stima il rendimento atteso del titolo, o rendimento di equilibrio del mercato, in funzione del rischio dell'investimento.
Benché alcune ipotesi alla base del modello siano molto lontane dalla realtà, il CAPM è stato oggetto di crescente attenzione negli ultimi quarant'anni nell'ambito dell'economia finanziaria. Nonostante infatti dalle prime evidenze empiriche è emersa la linearità tra rischio e rendimento, le seguenti verifiche hanno rilevato l'incapacità del beta ad esprimere tale relazione.
Questo elaborato nasce dunque dal desiderio di analizzare tale modello cercando di considerare la maggior parte delle teorie che negli ultimi anni anni si sono susseguite ed effettuando i tests sulla base dei dati del mercato italiano.
inizialmente verrà ripercorsa la teoria di Markowitz, proposta nell'articolo “Portfolio Selection” pubblicato sul Journal of Finance nel 1952, la quale si pone come elemento introduttivo per giungere alle logiche di formazione dei prezzi in un ottica di portafoglio sviluppate dal CAPM.
“Don't bet the ranch. Get more bang for your buck. Maximize output relative to input. Nothing ventured, nothing gained.Diversify instead of striving to make a killing. Don't put all your eggs in one basket; if it drops, you're in trouble. High volatility is like putting your head in the oven and your feet in the refrigerator."
La filosofia di Harry M. Markowitz, può essere agevolmente riassunta da queste semplici frasi di comune buonsenso che egli stesso, giovane studente di 25 anni, pare abbia annotato sul proprio block notes mentre leggeva “The Theory of Investment Value” di Sir John Burr Williams all’interno della libreria della Chicago University. Markowitz, concentrando la sua attenzione sulla comune pratica della diversificazione di portafoglio, dimostrò nel suo articolo che gli varrà il Nobel 38 anni dopo, come fosse possibile ridurre lo scarto quadratico medio dei rendimenti del portafoglio scegliendo azioni che avessero andamenti non perfettamente correlati. Il contributo di Harry Markowitz non si fermò a questo punto ma si spinse oltre fino a formulare i principi base della costruzione di un portafoglio e della relazione fra rischio e rendimento.Dopo aver esposto brevemente la teoria alla base della selezione di portafoglio di Markowitz e le ipotesi sottostanti al Capital Asset Pricing Model siamo finalmente giunti al cuore di questo elaborato ovvero effettuare un'analisi empirica del modello per il mercato italiano.A tale scopo ho selezionato le serie storiche mensili dei prezzi delle azioni di 462 imprese italiane per il periodo di riferimento che va da dicembre 1988 a marzo 2007, per un totale di 220 osservazioni mensili.
Come proxy del rendimento del portafoglio di mercato ho utilizzato la serie
storica dei prezzi dell'indice COMIT mentre per il rendimento dell’attività priva di
rischio un bot semestrale.
Tutte le serie storiche sono state scaricate da Datastream.
È importante però fare una premessa: in tutte le teorie utilizzate come lay out per i tests effettuati qui di seguito, viene considerata la circostanza di creare dei portafogli di titoli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione I rendimenti attesi degli azionisti o più in generale il costo del capitale azionario rappresenta uno dei temi maggiormente discussi all'interno della Teoria Finanziaria. I contributi principali in tale ambito sono stati forniti dalla letteratura anglosassone e americana ed in particolare da Hanry Markowitz il quale, postulando l'avversione al rischio da parte degli investitori, pose le basi per l'individuazione delle due variabili considerate nelle decisioni d'investimento: il rendimento atteso e la varianza del titolo. In seguito Sharpe, Lintner e Mossin elaborarono indipendentemente il Capital Asset Pricing Model, ovvero un modello che stima il rendimento atteso del titolo, o rendimento di equilibrio del mercato, in funzione del rischio dell’investimento. BenchØ alcune ipotesi alla base del modello siano molto lontane dalla realt , il CAPM Ł stato oggetto di crescente attenzione negli ultimi quarant’anni nell’ambito dell’economia finanziaria. Nonostante infatti dalle prime evidenze empiriche Ł emersa la linearit tra rischio e rendimento, le seguenti verifiche hanno rilevato l’incapacit del beta ad esprimere tale relazione. Questo elaborato nasce dunque dal desiderio di analizzare tale modello cercando di considerare la maggior parte delle teorie che negli ultimi anni anni si sono susseguite ed effettuando i tests sulla base dei dati del mercato italiano. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

beta capm
black zero beta
black, jensen scholes
capm mercato italiano
capm metodo generalizzato dei momenti
capm test multivariato
capm test univariato
conditional beta pricing model
critica di roll capm
fama macbeth capm
markowitz
unconditional beta pricing model

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi