Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Segment Reporting. Prassi nazionale, principi contabili internazionali Ias/Ifrs e prospettive statunitensi

La tesi è finalizzata alla evidenziazione di un quadro generale che sia in grado di mostrare quelli che sono gli aspetti essenziali e le peculiarità connesse alla presentazione dei dati disaggragati nei bilanci delle imprese.
Nel primo capitolo, in particolare, si evidenzia il ruolo del Segment Reporting nell'ambito della comunicazione d'impresa, sia interna che esterna, e in riferimento al processo di creazione del valore. A tale scopo, si delineano le istanze informative e le aspettative dei vari stakeholder che ruotano intorno all'impresa: investitori ed analisti, pubbliche amministrazioni, dipendenti, finanziatori, clienti e fornitori.
Si prosegue poi, valutando la relazione tra Segment Reporting e i sistemi amministrativi e di controllo.
Nel secondo capitolo, dopo aver illustrato i principali approcci alla identificazione dei settori/segmenti aziendali (Risk return approach, Management approach with risk and reward safety net, Management approach), si effettua una disamina del del Segment Reporting nell'ambito dei principi contabili statunitensi (SFAS 131) e inglesi (SSAP 25), e si delineano i principali aspetti contabili connessi alla predisposizione di informazioni settoriali secondo il rpincipio contabile internazionale IAS 14, sostituito dall'IFRS 8 dal gennaio 2009.
Il terzo capitolo è finalizzato a porre in luce che assume il Segment Reporting nel sistema contabile nazionale. In particolare, l'obiettivo è quello di evidenziare le limitate disposizioni civilistiche vigenti nel contesto nazionale relativamente alla predisposizone e diffusione di informazioni disaggregate: punti 6) e 10) dell'articolo 2427 c.c. e 2428 c.c., per quanto concerne rispettivamente la nota integrativa e la Relazione sulla gestione.
Nel quarto ed ultimo capitolo, infine, si delineano i dettagli del processo di convergenza tra IASB e FASB. In particolare, si riflette sul contributo apportato dal c.d. Norwalk Agreement in relazione alla realizzazione di un vero e proprio confronto sulla problematica dell'informativa settoriale: il nuovo IFRS 8 è il risultato del suddetto convergence project e, sostanzialmente, riflette il contenuto dello statunitense SFAS 131.
A conclusione del lavoro, si conducono alcune riflessioni su quelli che sono i potenziali affetti connessi all'adozione del nuovo standard internazionale nella prospettiva delle imprese adottanti.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Rossana Pezone Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1959 click dal 24/09/2009.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.