Skip to content

L'influenza dell'autoregolazione e dell'autoefficacia percepita sulla motivazione alla prestazione: l'approccio della teoria sociocognitiva di Albert Bandura

Informazioni tesi

  Autore: Sonia Soncin
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Accursio Gennaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 241

Il termine “motivazione” indica il complesso insieme di variabili che attivano, dirigono e sostengono nel tempo il comportamento. Si tratta di bisogni, desideri, valori, aspettative e progetti di vita personali, ma anche di forze che derivano da compiti, obiettivi, relazioni sociali, struttura e cultura organizzativa. Le trasformazioni radicali degli ultimi trent’anni, a livello tecnologico, economico, culturale e sociale, non solo hanno modificato in profondità l’assetto organizzativo, le culture e gli stili di gestione delle grandi imprese, ma hanno anche inciso sui valori, sui modelli di comportamento dei singoli all’interno delle organizzazioni e sull’attribuzione di significato all’esperienza lavorativa.
Questi cambiamenti sollecitano un tema cruciale per la competitività delle organizzazioni: la valorizzazione delle risorse umane in una prospettiva di qualità. I manager devono fornire una visione che rappresenta qualcosa di nuovo, diverso, unico, ricco di sfida e per questo irresistibile: il management deve essere costantemente teso a favorire una progressiva convergenza fra il progetto aziendale e il progetto di vita di ogni individuo, consentendo così di trasformare la visione stessa in realtà. La concezione dell’autoefficacia riguarda, per l’appunto, la compatibilità tra mete individuali e collettive e la congruenza di tale compatibilità con un progetto che sia in grado di liberare le potenzialità esistenti all’interno del sistema organizzativo, così come all’interno del sistema individuale.
Ciò è fondamentale per esplicitare una gerarchia di obiettivi che massimizzi questa opportunità, per essere in grado di monitorare il passaggio dalla decisione all’azione e per intervenire sui processi che regolano la discrepanza tra il momento della decisione e quello della realizzazione. Gli strumenti utili a tale proposito sono il goal setting e la valutazione; in entrambi i casi, l’obiettivo è non solo incrementare le prestazioni, ma favorire le condizioni per creare nuove capacità e rigenerare le motivazioni personali a riuscire. Da una parte l’obiettivo sfida a mettere in gioco le competenze possedute, dall’altra il feedback evidenzia la possibilità di arrivare a nuove competenze. In questa ottica, lo sviluppo del senso di efficacia costituisce un valore aggiunto rispetto ai risultati previsti dai tradizionali programmi di direzione per obiettivi (MBO). Un aumentato senso di autoefficacia si manifesta in una maggiore capacità di gestire al meglio le proprie attività, valorizzando pienamente le proprie capacità e opportunità.
Il comportamento appare regolato non tanto dalle sue conseguenze immediate, quanto soprattutto dalle conseguenze attese e perciò dalla capacità soggettiva di rappresentarsi una gamma di conseguenze possibili, muovendosi lungo una dimensione temporale che comprende il passato e numerose rappresentazioni del futuro. In quest’ottica è centrale il concetto di autoefficacia percepita, ovvero le aspettative che una persona ha di padroneggiare con successo determinate situazioni. È sostanzialmente l’autoefficacia che guida la decisione sugli obiettivi da raggiungere e sostiene l’azione fino al loro raggiungimento. Nella teoria sociocognitiva, l’autoregolazione della motivazione è governata da tre meccanismi...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 1 LA MOTIVAZIONE 1.1 La motivazione al lavoro Il termine “motivazione” indica il complesso insieme di forze che attivano, dirigono e sostengono nel tempo il comportamento. Parlando di motivazione al lavoro occorre analizzare le variabili in grado di evidenziare l’impiego delle energie psicofisiche nell’attività professionale e dell’intensità e della persistenza di tale investimento: si tratta di bisogni, desideri, valori, aspettative e progetti di vita personali, ma anche di forze che derivano dai compiti svolti, dagli obiettivi, dalle relazioni sociali agite, dalla struttura e dalla cultura di un’organizzazione. Tutte queste variabili interagiscono continuamente, influenzando la motivazione al lavoro, la sua intensità e la sua rilevanza nel tempo. Comprendere la motivazione al lavoro è certamente importante per i singoli individui e per le organizzazioni in cui essi operano, ma il lavoro è anche l’ambito sociale in cui l’uomo trascorre la maggior parte del suo tempo e nel quale esprime parti importanti di sé: un osservatorio privilegiato per comprendere, attraverso l’analisi del lavoro, alcuni processi e dinamiche che attengono al tema più generale della motivazione del comportamento umano (Avallone, 1994). Lavorare obbliga, pertanto, a confrontarsi con l’esistenza di scopi extraindividuali, necessariamente presenti in ogni forma di attività organizzata. Il fatto di lavorare, in qualsiasi contesto organizzativo, permette al soggetto di riconoscere l’esistenza di: a) una pluralità di scopi, più o meno chiari e manifesti, collegati agli interessi e ai progetti di cui sono portatori individui e gruppi nell’organizzazione;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

albert bandura
autoefficacia
autoregolazione della motivazione
goal setting
modelli di comportamento
motivazione alla prestazione
teoria sociocognitiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi