Skip to content

Obbligazioni indicizzate e strutturate

Informazioni tesi

  Autore: Federico Celani
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Francesco  Carbone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

Obbligazioni indicizzate e strutturate,derivati. Il tema che ho approfondito è quello delle obbligazioni indicizzate e strutturate emesse da società non bancarie e della relativa disciplina recata dal codice civile nel testo emergente dalla riforma del diritto societario (d.lgs. n. 6 del 2003).
Va subito precisato che le obbligazioni strutturate costituiscono una particolare tipologia delle indicizzate: la differenza risiede nella diversa natura dei parametri di indicizzazione presi a riferimento che, nelle prime, in genere, riflettono il potere di acquisto della moneta quali prezzi di beni o servizi significativi per la collettività o indici statistici, mentre, nelle seconde, dipendono da parametri più complessi come panieri di titoli azionari, indici di borsa o altri indici come merci, valute, metalli preziosi ecc..
Assume preminente rilievo l’elemento su cui agisce l’indicizzazione: essa infatti può riguardare il rendimento dei titoli e quindi condizionare la misura del tasso di interesse da corrispondere al sottoscrittore ma anche lo stesso capitale preso a prestito condizionando, quindi, l’ammontare del rimborso.
Per titoli in cui l’indicizzazione condiziona l’ammontare della remunerazione non sorgono significative questioni in ordine al loro inquadramento normativo in quanto tali fattispecie, sia che il parametro preso a riferimento sia interno (e quindi legato all’andamento economico della società emittente) sia esterno, risultano tipizzati al secondo comma dell’art. 2411 del codice civile.
Ampie problematiche si pongono, invece per quanto riguarda l’inquadramento in ambito codicistico dei titoli in cui l’indicizzazione incide sul rimborso del capitale preso a prestito. (1,5 minuti )

La disciplina di riferimento per le obbligazioni societarie è contenuta negli artt. 2410 e seguenti nel testo profondamente innovato dal decreto legislativo numero 6 del 2003 che, pur riproponendo l’impianto generale della precedente normativa, recepisce i principi fondamentali della riforma intesi all’agevolazione dell’accesso della società azionaria al mercato dei capitali di credito attraverso la modifica della disciplina relativa all’emissione delle obbligazioni allo scopo di ridurne o eliminarne i limiti e consentendo l’emissione di strumenti finanziari non partecipativi e partecipativi dotati di diversi diritti patrimoniali ed amministrativi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il lavoro che si presenta intende svolgere un’analisi delle obbligazioni indicizzate e strutturate emesse da società non bancarie sotto il profilo delle caratteristiche identificative e dell’inquadramento normativo in ambito codicistico evidenziando, segnatamente, le rilevanti problematiche che ostano all’inquadramento dei titoli in cui l’indicizzazione incide sul rimborso del capitale. Nel primo capitolo si introduce la nozione di obbligazione al fine di individuarne i tratti peculiari ed ineliminabili. In particolare, si riflette sulla riconducibilità del prestito obbligazionario nell’ambito tipologico del contratto di mutuo del quale è elemento essenziale il rimborso della somma mutuata. Viene segnalata la circostanza che, già da molti anni prima della riforma del 2003, si sono diffusi sui mercati titoli obbligazionari di incerta riconducibilità all’archetipo legale tradizionalmente riconosciuto, intorno ai quali è sorto un vivace dibattito stimolato, anche, da alcune sentenze giurisdizionali (Tribunale di Torino, 22 marzo 1985; Tribunale di Milano 17 luglio 1982) che avevano negato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

obbligazioni
obbligazioni indicizzate
obbligazioni indicizzate strutturate

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi