Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'agriturismo: aspetti normativi e analisi di un caso studio

Il lavoro tratta le ultime introduzioni legislative inerenti alle attività connesse dell'imprenditore agricolo, nel caso specifico l'attività agrituristica. Si analizza il panorama legislativo dal livello europeo a quello regionale, mettendo alla luce i pregi e i difetti delle recenti leggi. Infine si procede ad analizzare un caso studio: Fattoria Didattica Morlungo, che svolge l'attività agrituristica in più aree, da quella dell'ospitalità alla fattoria didattica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE L’agricoltura dei Paesi della Comunità Europea ha subito negli ultimi decenni numerose modificazioni. Ad esempio, per quanto riguarda le produzioni si è passati dalle spinte alla produzione di quantità per puntare, ai nostri giorni, a produzioni di qualità e di tutela del nostro territorio. È proprio quest’attenzione alla qualità che ha indotto la Comunità Europea ad intervenire anche in un settore molto importante, qual è l’aspetto turistico dell’agricoltura europea. L’UE ha promosso, e tuttora continua a farlo, numerosi interventi legislativi ed economici per tutelare città d’arte e patrimoni di rara bellezza, trascurando con politiche quantitative più che qualitative il nostro territorio, che forse può essere ritenuto il primo vero patrimonio naturale e culturale, vista la ricchezza di bellezze naturali e tradizioni locali. Le istituzioni a livello europeo si sono sentite, quindi, quasi costrette ad intervenire anche per quanto riguarda il settore primario, tracciando linee strategiche da seguire per riuscire a trattenere gli agricoltori nel loro territorio, dando loro la possibilità di integrare i propri redditi con l’accoglienza dei turisti, secondo il principio della qualità della vita. Questa attività, oltre a contribuire a mantenere la tutela delle aree rurali, sta rappresentando un’occasione per diffondere in queste zone una maggiore consapevolezza delle opportunità di sviluppo offerte da un uso sostenibile e integrato delle risorse locali, recuperandone molte che rischierebbero di scomparire. Tra le stesse, vengono rivalutati e rafforzati l’identità locale e il sentimento d’appartenenza alla comunità locale grazie alla creazione di legami tra persone e territorio. L’attività agrituristica rappresenta dunque una risorsa, sia dal punto di vista materiale che dal punto di vista emotivo, che permette all’utente del servizio agrituristico di ritrovare le proprie radici storiche e culturali nel territorio che lo circonda. La diffusione di questa forma d’accoglienza rurale è aumentata grazie all’esigenza della gente di uscire dai centri abitati e cementati, per riscoprire valori e sensazioni dimenticati a causa della forza dirompente del progresso, che ha allargato i grossi poli industriali e ha inglobato gli antichi paesi contadini limitrofi, facendoli diventare periferie inquinate e trafficate di grosse città. È proprio da questa “civiltà” che le persone fuggono e cercano, nei periodi di vacanza, di migliorare la propria qualità della vita, concedendosi qualche giorno a contatto con le sane tradizioni tipiche della civiltà agricola. Il cliente deve riconoscere, in questa forma turistica, un forte cambiamento rispetto alla sua vita quotidiana, cambiamento che lo fa, allo stesso tempo, sentire a proprio agio e gli permetta di vivere 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Mario Capodaglio Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1784 click dal 16/09/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.