Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'amministrazione della navigazione aerea

L’argomento che ho scelto di esporre nel mio lavoro riguarda l’organizzazione amministrativa della navigazione aerea. Credo, in tutta sincerità, che il tema trattato, data la sua vastità, non possa essere raccolto e sintetizzato compiutamente in queste pagine. Il mio intento, quindi, è quello di cogliere e descrivere i punti fondamentali di una materia in continua evoluzione.
Il mio discorso si riferisce, principalmente, ai d.lgs. 96/05 e 151/06 , i quali, finalmente, è bene sottolinearlo, dopo oltre sessant’anni dall’entrata in vigore del Codice della Navigazione, hanno apportato una completa riforma in tutto il settore dell’aviazione civile. Tecnicamente il cuore pulsante delle modificazioni sta nella riformulazione di quasi duecento articoli del codice. Ma, secondo la mia opinione, la vera novità si è concretizzata con la trasformazione e , se mi si permette, il “ringiovanimento” dell’intero settore della navigazione aerea, alla luce anche dei cambiamenti geo-politici e sociali degli ultimi anni. Guerre, attentati, la nascita di un nuovo volto dell’Europa, ma soprattutto il progresso, costante e irrefrenabile, in ogni campo, hanno aperto la strada e, contemporaneamente, affrettato i tempi di attuazione di tale spirito di innovazione. Innovazione che prende il via proprio dalla base, ossia dalla sua organizzazione amministrativa.
Emblematica, a tale proposito, è l’introduzione della relazione di Gerardo Mastrandrea sul tema delle gestioni aeroportuali, che nel 1999 scriveva così : “…Mi trovo a dover parlare purtroppo di un processo riformatore ancora incompiuto, che risente ancora di vecchie sovrastrutture, e che dunque, seppur contrassegnato da spinte ideali riformatrici sicuramente apprezzabili, è ancora appesantito dalla necessità di governare l’esistente e di dare modo ad un sistema che deve continuare a produrre ricchezza per la collettività nazionale di operare in un quadro ancora precario.”Cosa ci siamo lasciati alle spalle? Ma soprattutto quali sono le prospettive attuali e future nel settore amministrativo dell’aviazione civile? Queste, in particolare, sono le domande a cui cercherò di dare una risposta nel mio lavoro, avvalendomi dello studio e delle ricerche effettuate da autori, che con grande consapevolezza avevano, in passato, e hanno, ai giorni nostri, affrontato l’argomento.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE L’argomento che verrà esposto qui di seguito riguarda l’organizzazione amministrativa della navigazione aerea. Il tema trattato, data la sua vastità, non potrà essere raccolto e sintetizzato completamente in queste pagine; l’intenzione, quindi, che percorre questa tesi, è quella di cogliere e descrivere i punti fondamentali di una materia in continua evoluzione. Il riferimento principale dell’elaborato si basa sui d.lgs. 96/05 e 151/06 1, i quali, finalmente, è bene sottolinearlo, dopo oltre sessant’anni dall’entrata in vigore del Codice della Navigazione, hanno apportato una completa riforma in tutto il settore dell’aviazione civile. In passato già con l’emanazione del d.lgs 250/ 1997, istitutivo dell’ Ente Nazione dell’Aviazione Civile (ENAC) 2, era stata prevista la costituzione di una Commissione di studio per l’elaborazione delle modifiche alla parte aeronautica del Codice della Navigazione 3. Infatti l’anno seguente venne istituita una apposita Commissione, che ridisegnò l’intera disciplina amministrativa della navigazione aerea, improntandola su un 1 Pubblicati, rispettivamente, nelle G.U. 8 giugno 2005 n. 131 e n. 88 del 14 aprile 2006 2 Cfr. art. 13 del d.lgs 250/1997 pubblicato in G.U. 31 luglio 1997, n. 177. 3 In particolare l’art. 13 si riferiva alla ridefinizione dei compiti dell’ ENAC e del direttore d’aeroporto, nonché al recepimento degli Annessi ICAO. (Si rimanda alla consultazione del CAP. I per la relativa bibliografia dell’argomento).

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Donatella Parracino Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 681 click dal 15/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.