Skip to content

Vedere come Basquiat

Informazioni tesi

Il ruolo delle arti nelle nuove professioni
  Autore: Sara Matetich
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2005
Docente/Relatore: velotti Stefano Di Giacomo Giuseppe
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

Intento di questo scritto vuole essere quello di poter vedere come Basquiat, guardando le sue opere, partecipando alle sue opere, cercando di coglierne la bellezza nel particolare, con pazienza, con différances.
La superficie di Basquiat verrà analizzata (vista) attraverso alcune opere scelte arbitrariamente, ma con il solo intento di rendere visibili gli argomenti proposti.
L’eterno ritorno di Basquiat, il rinvenimento di quell’attimo assoluto in cui passato e presente si disintegrano attraverso un atto di volontà.
Supporto teorico di un’analisi senza alcuna velleità conoscitiva, verrà identificato nel lavoro di Adorno, nelle speculazioni di Wittgenstein, nelle costruttive decostruzioni di Derrida, senza tralasciare qualsivoglia riferimento che corrobori l’ipotesi da sostenere: vedere come Basquiat, entrare negli occhi di Basquiat, ricollocare le sue figure tra i prodotti dell’arte non solo per l’inusuale modo di comunicare che contengono, ma grazie al rinvenimento di quella peculiarità che, a mio avviso, sola caratterizza un’opera d’arte: il far pensare in generale.
Verranno riportate in ordine sparso, secondo personale memoria, le comuni verità riferite alla produzione artistica e al personaggio Basquiat. Ritagli di giornale, pagine di cataloghi, memoria visiva di personali visite a mostre dell’artista proveranno a svelare il luogo comune dell’interpretazione. Uomo del suo tempo, genio imberbe e ribelle, Basquiat viene raffigurato come icona involontaria di un decennio, quello degli ottanta americani.
Quanto la definizione di un genere artistico può influenzare la riflessione in merito al (ai) significato\i di un’opera? Quanto il racconto della vita dell’artista può essere determinante? Quanto il gossip può interferire con il percorso analitico?
La sorpresa sarà il non ritrovarlo in nessuna delle voci che raccontano di lui.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il primo africano contemporaneo. Jean-Michel Basquiat rappresenta senza dubbio uno dei fenomeni piø straordinari della pittura degli ultimi anni del secolo scorso. Nato a New York, di origini afro-americane, Basquiat fa della sua negritudine un motivo di diversit e di r ibellione non solo nel rinnovamento del linguaggio espressivo ma anche nella spettacolarizzazione degli stimoli che la metropoli offriva, utilizzandone gli spazi per urlare il disagio e lo smarrimento esistenziale di un intera generazione. La transavanguardia (intesa come attitudine e non come movimento) prendendo atto della catastrofe semantica dei linguaggi dell arte e delle relative ideologie, sposta l immagine in un rapporto tra turbolenza e serenit , tra dramma e commedia, tra mito e quotidi ano, tra tragedia e ironia, in una condizione di maggiore apertura e libert espressiva, fuori da qualsiasi inibizione e progetto. Basquiat si inserisce in questa temperie, lasciando viaggiare l immagine fuori da qualsiasi interrogazione, circa la sua provenienza e direzione, secondo derive di piacere che ristabiliscono anche il primato dell intensit dell opera su quell o della tecnica1. Intento di questo scritto vuole essere quello di poter Vedere Come Basquiat, guardando le sue opere, partecipando alle sue opere, cercando di coglierne la bellezza nel particolare, con pazienza, con diffØrances. 1 Achille Bonito Oliva, L ombra dell arte nella vita breve di Basquiat , in Jean-Michel Basquiat, Skira, Ginevra-Milano 2005, p.26

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte
basquiat
opere basquiat

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi