Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia e funzioni delle agenzie di informazioni

Attualmente l’informazione giornalistica costituisce un elemento essenziale sul piano del mercato mondiale della comunicazione, normalmente si rifà a concetti relativi al processo di globalizzazione, in rapporto alla notizia vista dal punto di vista economico. La notizia rappresenta l’elemento principale nel processo informativo.
Un lettore non si domanderà mai come nasca una notizia, ricondurrà il tutto alla visione di un telegiornale, alla lettura di un quotidiano, non considerando un dato importante e cioè che dietro una notizia c’è il lavoro dell’agenzia d’informazione, attore chiave e determinante nel processo informativo e fonte primaria della notizia, anche se, fino a non molto tempo fa venivano chiamate, agenzia di stampa.
Un ruolo importante e centrale non solo perché in grado di fornire informazioni ai media sia audio che televisivi, ma di trasmettere informazioni anche ad organi di governo nonché ai semplici cittadini. Le agenzie fungono da intermediari, essendo in grado di raggiungere qualunque mezzo di comunicazione, dai media elettronici, dai piccoli ai grandi media e dai media nazionali a quelli locali.
Ma cosa sono le agenzie d’informazione? Qual’ è il loro ruolo? Quali sono le fonti collegate alle agenzie? Che tipo di linguaggio viene usato? Questo lavoro si basa su domande di questo tipo, trovando risposte solo in parte, rimane tanto ancora da esplorare, nel tentativo di investigare da tutti i punti di vista, le dinamiche dell’informazione. Questa tesi è dedicata interamente alle agenzie d’informazione e alla loro storia, soffermandosi in particolare sulle fonti, sui percorsi della notizia in rapporto al sistema dei media e della comunicazione. Nella prima parte della tesi verranno tracciate e delineate le varie funzioni riservate alle agenzie, la nascita della prima agenzia, l’Ansa, la sua genesi e i rapporti col mondo. La posizione che le agenzie hanno pian piano acquisito nei vari paesi del mondo dell’informazione, il ruolo che ricoprono in rapporto alla diffusione delle notizie, anche di carattere politico – culturale. L’importanza dei canali informativi, il potere e la difficoltà da parte di alcuni stati di accedere alle reti di comunicazione. I limiti e gli squilibri che si sono venuti a creare anche dal punto di vista dei contenuti, mettendo in crisi l’opinione pubblica che ha tentato in qualche modo di riorganizzare il sistema globale. Le dinamiche che hanno consentito alle agenzie di imporsi nel sistema dell’informazione, fino ad arrivare ad un’analisi della situazione attuale.
Saranno analizzati ed evidenziati vari aspetti sui problemi della comunicazione cercando di fornire una panoramica sulla gestione e sull’organizzazione dell’informazione, citando le principali agenzie sia a livello nazionale che internazionale. Il secondo capitolo della tesi è dedicato al sistema giornalistico, alle fonti collegate alle agenzie, ponendo particolare attenzione alla priorità delle notizie e alla costruzione effettiva della realtà, al ruolo e alla responsabilità dei media nello svolgere la funzione di ricostruzione della notizia, quale parte integrante dei flussi di mercato.
Il terzo capitolo cercherà di chiarire ed evidenziare il linguaggio usato dalle agenzie, l’importanza del lead o il lancio, le modalità in cui si scrive una notizia e quali sono i criteri che rendono un qualsiasi evento notizia.
Comprendere la priorità delle “cinque W”, e cioè la risposta alle domande “chi”, “che cosa”, “quando”, “dove” e “perché”.
La sezione finale della tesi si concentrerà sulle regole da seguire nella scrittura, quali: il “background”, il “round-up”, l’importanza della titolazione, che è la forma più utilizzata dalla stampa italiana nel tentativo di catturare l’attenzione del lettore.
Questo lavoro è il risultato di una ricerca che mette in luce le importanti trasformazioni che hanno segnato il percorso e la crescita delle agenzie, attraverso cui sono riuscite ad imporsi, facendo emergere una nuova immagine nell’ambito dell’informazione nel mondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 0. INTRODUZIONE Non si verifica normalmente alcun inganno o tradimento dei criteri di “oggettività”,“equilibrio”, “completezza” o “fattualità”. La selettività particolare e le “distorsioni” dipendono da fattori interni al lavoro giornalistico e sostanzialmente non controllabili. [Lippmann, 1922] Attualmente l’informazione giornalistica costituisce un elemento essenziale sul piano del mercato mondiale della comunicazione, normalmente si rifà a concetti relativi al processo di globalizzazione, in rapporto alla notizia vista dal punto di vista economico. La notizia rappresenta l’elemento principale nel processo informativo. Un lettore non si domanderà mai come nasca una notizia, ricondurrà il tutto alla visione di un telegiornale, alla lettura di un quotidiano, non considerando un dato importante e cioè che dietro una notizia c’è il lavoro dell’agenzia d’informazione, attore chiave e determinante nel processo informativo e fonte primaria della notizia, anche se, fino a non molto tempo fa venivano chiamate, agenzia di stampa. Un ruolo importante e centrale non solo perché in grado di fornire informazioni ai media sia audio che televisivi, ma di trasmettere informazioni anche ad organi di governo nonché ai semplici cittadini. Le agenzie fungono da intermediari, essendo in grado di raggiungere qualunque mezzo di comunicazione, dai media elettronici, dai piccoli ai grandi media e dai media nazionali a quelli locali. Ma cosa sono le agenzie d’informazione? Qual’ è il loro ruolo? Quali sono le fonti collegate alle agenzie? Che tipo di linguaggio viene usato? Questo lavoro si basa su domande di questo tipo, trovando risposte solo in parte, rimane tanto ancora da esplorare, nel tentativo di investigare da tutti i punti di vista, le dinamiche dell’informazione. Questa tesi è dedicata interamente alle agenzie d’informazione e alla loro storia, soffermandosi in particolare sulle fonti, sui percorsi della notizia in rapporto al sistema dei media e della comunicazione. Nella prima parte della tesi verranno tracciate e delineate le

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Susanna Battipede Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 858 click dal 25/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×