Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova nozione di “bene culturale”. La procedura di verifica di interesse culturale.

Utile per comprendere l'attuale disciplina sui beni culturali, con un breve richiamo sull’evoluzione normativa del concetto di bene culturale e delle modalità d’individuazione dello stesso, arrivando all'attuale Codice dei BB. CC. e del Paesaggio, soffermandosi, inoltre, sulla questione del "silenzio - assenso".

Mostra/Nascondi contenuto.
   I INTRODUZIONE La definizione di bene culturale e l’individuazione delle categorie di beni sottoposti a tutela non sono dati indiscussi e definitivamente acquisiti dall’ordinamento giuridico, ma la costruzione di tale nozione è frutto di una complessa elaborazione. Al fine di comprendere l’attuale disciplina dei beni culturali è necessario fare un breve richiamo sull’evoluzione normativa del concetto di bene culturale e delle modalità d’individuazione dello stesso, prima di arrivare all’attuale Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio. Argomento, tra l’altro, oggetto del primo capitolo della mia trattazione, in cui, appunto, si analizza il significato dell’espressione “bene culturale” ripercorrendone la vicenda sin dal suo comparire, focalizzandomi inoltre sulle modalità di individuazione dei beni culturali relativa alla presentazione, da parte degli enti pubblici e delle persone giuridiche senza scopo di lucro, al Ministero, degli elenchi descrittivi dei beni che presumibilmente presentassero un interesse culturale storico, artistico, archeologico, ecc. Il secondo capitolo tratta il passaggio dal vecchio sistema, rappresentato dal T.U. dei beni culturali, al nuovo, con l’entrata in vigore del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.Lgs. n. 42/2004) il primo maggio 2004. In particolare, mi sono soffermata sul “nuovo” concetto di bene culturale e sulla verifica dell’interesse culturale, tema principale del mio lavoro. Quest’ultima è una delle novità rilevanti introdotte nell’ordinamento giuridico dal Codice che supera il sistema degli elenchi, introducendo, appunto, un procedimento che ha degli effetti decisivi sui beni verificati, a seconda che l’esito sia positivo o negativo.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Jessica Criscolo Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1012 click dal 24/09/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.