Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La competitività dei porti container HUB nel Mediterraneo. Analisi comparative di prestazioni ed accessibilità

La richiesta di un contenitore multiuso, adatto per essere utilizzato nei vari tipi di trasporto di merci, è sorta nel primo dopoguerra negli USA. La comodità di una attrezzatura che consentisse di caricare, in corpo, le merci e non doverle più movimentare singolarmente sino a destinazione è risultata subito evidente; di conseguenza l'idea di containerizzare ha avuto un impulso notevole nel campo del trasporto marittimo e negli scambi tra America ed Europa fin dagli anni '60. Oggi sono circa 800 i porti che nel mondo posseggono equipaggiamenti idonei a movimentare i container. I porti container del Mediterraneo ricoprono un ruolo significativo in quanto il Mare è di fatto un passaggio obbligato per tutte le navi container che dal Far Est giungono ai porti del nord Europa (in cui si concentra la maggiore domanda), e viceversa. Ma all’interno del Mediterraneo quali sono i porti container in grado di offrire elevate prestazioni e una soddisfacente accessibilità verso i nodi economici più importanti dell’area Euro-Mediterranea? Vi è almeno un porto container in grado di offrire entrambe le carattestiche ed essere competitivo nei confronti dei porti del nord Europa?
L’obiettivo di questa tesi è quello di fornire risposte a questi interrogativi, motivandole con analisi comparative di prestazione e accessibilità.

La tesi è organizzata in 5 capitoli.
Il primo capitolo fornisce informazioni riguardo al container, ai maggiori porti container nel mondo, alle rotte intercontinentali e ai mezzi di movimentazione presenti nei piazzali portuali. Inoltre, il capitolo fornisce una serie di informazioni in merito alla domanda attuale di traffico container e alle previsioni a breve e medio periodo.
Il secondo capitolo focalizza l’attenzione sul rapporto che si è instaurato tra i paesi europei che si affacciano sul Mediterraneo e i PTM, Paesi Terzi Mediterranei. Si analizzano le varie tappe, dal Processo di Barcellona all’Unione del Mediterraneo, che hanno scaturito iniziative multi-laterali di cooperazione e sviluppo nell’intera area mediterranea, tra cui l’ALS 2010, l’area di libero scambio delle merci in previsione per il 2010.
Il terzo capitolo fornisce un’ampia e dettagliata documentazione su tutti i porti container hub mediterranei, attualmente mancante in letteratura. Infatti, le analisi comparative di prestazione e accessibilità non possono prescindere dal conoscere, nel dettaglio, l’organizzazione infrastrutturale dei singoli porti e dei terminal container in essi presenti.
Il quarto capitolo prevede lo svolgimento di una prima applicazione: l’analisi comparativa di prestazione fra i porti container hub del Mediterraneo, attraverso 21 indicatori diversi (di dotazione, di efficienza, di efficacia, di grado di utilizzazione) ottenuti a partire dai dati di base individuati nel terzo capitolo.
Il quinto capitolo prevede lo svolgimento della seconda applicazione: l’analisi comparativa di accessibilità, basata su costi monetari e temporali, effettuata tramite l’ausilio del software GIS Transcad.

Al fine di reperire le numerose e necessarie informazioni presenti nel seguente lavoro di tesi e mancanti in letteratura, è stato necessario contattare più di 40 tra Ministeri dei Trasporti, Autorità Portuali, Terminalisti, Linee di navigazione e Spedizionieri ai quali si rivolge un doveroso ringraziamento per la paziente disponibilità e la preziosa collaborazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
La competitività dei porti container hub nel Mediterraneo. Analisi comparative di prestazioni ed accessibilità. Tesi di laurea in Ingegneria Civile – Anno Accademico 2007 - 2008 5 INTRODUZIONE La richiesta di un contenitore multiuso, adatto per essere utilizzato nei vari tipi di trasporto di merci, è sorta nel primo dopoguerra negli USA. La comodità di una attrezzatura che consentisse di caricare, in corpo, le merci e non doverle più movimentare singolarmente sino a destinazione è risultata subito evidente; di conseguenza l'idea di containerizzare ha avuto un impulso notevole nel campo del trasporto marittimo e negli scambi tra America ed Europa fin dagli anni '60. Oggi sono circa 800 i porti che nel mondo posseggono equipaggiamenti idonei a movimentare i container. I porti container del Mediterraneo ricoprono un ruolo significativo in quanto il Mare è di fatto un passaggio obbligato per tutte le navi container che dal Far Est giungono ai porti del nord Europa (in cui si concentra la maggiore domanda), e viceversa. Ma all’interno del Mediterraneo quali sono i porti container in grado di offrire elevate prestazioni e una soddisfacente accessibilità verso i nodi economici più importanti dell’area Euro- Mediterranea? Vi è almeno un porto container in grado di offrire entrambe le carattestiche ed essere competitivo nei confronti dei porti del nord Europa? L’obiettivo di questa tesi è quello di fornire risposte a questi interrogativi, motivandole con analisi comparative di prestazione e accessibilità. La tesi è organizzata in 5 capitoli. Il primo capitolo fornisce informazioni riguardo al container, ai maggiori porti container nel mondo, alle rotte intercontinentali e ai mezzi di movimentazione presenti nei piazzali portuali. Inoltre, il capitolo fornisce una serie di informazioni in merito alla domanda attuale di traffico container e alle previsioni a breve e medio periodo. Il secondo capitolo focalizza l’attenzione sul rapporto che si è instaurato tra i paesi europei che si affacciano sul Mediterraneo e i PTM, Paesi Terzi Mediterranei. Si analizzano le varie tappe, dal Processo di Barcellona all’Unione del Mediterraneo, che hanno scaturito iniziative multi-laterali di cooperazione e sviluppo nell’intera area mediterranea, tra cui l’ALS 2010, l’area di libero scambio delle merci in previsione per il 2010. Il terzo capitolo fornisce un’ampia e dettagliata documentazione su tutti i porti container hub mediterranei, attualmente mancante in letteratura. Infatti, le analisi comparative di prestazione e accessibilità non possono prescindere dal conoscere, nel dettaglio, l’organizzazione infrastrutturale dei singoli porti e dei terminal container in essi presenti. Il quarto capitolo prevede lo svolgimento di una prima applicazione: l’analisi comparativa di prestazione fra i porti container hub del Mediterraneo, attraverso 21 indicatori diversi (di dotazione, di efficienza, di efficacia, di grado di utilizzazione) ottenuti a partire dai dati di base individuati nel terzo capitolo. Il quinto capitolo prevede lo svolgimento della seconda applicazione: l’analisi comparativa di accessibilità, basata su costi monetari e temporali, effettuata tramite l’ausilio del software GIS Transcad. Al fine di reperire le numerose e necessarie informazioni presenti nel seguente lavoro di tesi e mancanti in letteratura, è stato necessario contattare più di 40 tra Ministeri dei Trasporti, Autorità Portuali, Terminalisti, Linee di navigazione e Spedizionieri ai quali si rivolge un doveroso ringraziamento per la paziente disponibilità e la preziosa collaborazione.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giulio Ferraro Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9657 click dal 24/09/2009.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.