Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio analitico su ''Canne al vento'' di Grazia Deledda

Nella presente tesi, presentata a compimento dei miei studi universitari, ho trattato brevemente un romanzo più che interessante ''Canne al vento'', che viene considerato indubbiamente il capolavoro della scrittrice sarda Grazia Deledda; infatti in esso si incarnano più efficacemente la filosofia e l'esperienza letteraria e quotidiana di Deledda. È l'indiscutibile prova di un'arte matura senza precedenti che si manifesta pienamente nella finezza e nella delicatezza per cui i passaggi narrativi succedono senza bruschezza e i mutamenti nel giro narrativo della vicenda non si susseguono mai senza una plausibile giustificazione; e inoltre vedremo l'abilità di Deledda nel poter intrecciare armonicamente e scorrevolmente i nodi narrativi e nel conferire alla narrazione un andamento semplice e sicuro.

La produzione letteraria deleddiana è senz'altro il frutto dell'ispirazione all'ambiente sardo con tutti i suoi particolari: tradizione, paesaggio, dialetto..ecc. Lei ne prende sempre uno sfondo quasi per tutte le sue opere e impiega questa realtà regionale e limitata per rimandare il lettore a concetti più ampi e universali come: il conflitto tra il bene e il male, il peccato e la salvezza e l'incapacità umana di fronte ad un destino ineluttabile. Lo sfondo sardo di vicende e conflitti si trasforma in un valore simbolico universale.

La tesi è divisa in quattro parti

-l'introduzione accenna alla tematica, allo stile di Deledda, e alle caratteristiche del Verismo.
-Il primo capitolo in cui ho passato in rassegna gli elementi della narrativa regionale come l'ambiente sardo, il contenuto sociale, le tradizioni e i costumi sardi, il linguaggio...ecc
-Nel secondo capitolo sono stati esaminati :la trama, i temi, i personaggi e la descrizione del paesaggio.
-la conclusione nella quale vedremo il punto di vista della Deledda e il fatalismo palese dal titolo ''Canne al vento''. L'universo narrativo deleddiano è infatti dominato dalla fatalità ; le vicende dei romanzi ripetono quasi ossessivamente storie drammatiche. L'infelicità e la rinuncia sono il destino finale di queste passioni e il dolore viene accettato come ineluttabile: alla sofferenza si può opporre solo la rassegnazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREMESSA Nella presente tesi, presentata a compimento dei miei studi universitari, ho trattato brevemente un romanzo più che interessante ''Canne al vento'', che viene considerato indubbiamente il capolavoro della scrittrice sarda Grazia Deledda; infatti in esso si incarnano più efficacemente la filosofia e l'esperienza letteraria e quotidiana di Deledda. È l'indiscutibile prova di un'arte matura senza precedenti che si manifesta pienamente nella finezza e nella delicatezza per cui i passaggi narrativi succedono senza bruschezza e i mutamenti nel giro narrativo della vicenda non si susseguono mai senza una plausibile giustificazione; e inoltre vedremo l'abilità di Deledda nel poter intrecciare armonicamente e scorrevolmente i nodi narrativi e nel conferire alla narrazione un andamento semplice e sicuro. La produzione letteraria deleddiana è senz'altro il frutto dell'ispirazione all'ambiente sardo con tutti i suoi particolari: tradizione, paesaggio, dialetto..ecc. Lei ne prende sempre uno sfondo quasi per tutte le sue opere e impiega questa realtà regionale e limitata per rimandare il lettore a concetti più ampi e universali come: il conflitto tra il bene e il male, il peccato e la salvezza e l'incapacità umana di fronte ad un destino ineluttabile. Lo sfondo sardo di vicende e conflitti si trasforma in un valore simbolico universale. La tesi è divisa in quattro parti -l'introduzione accenna alla tematica, allo stile di Deledda, e alle caratteristiche del Verismo. -Il primo capitolo in cui ho passato in rassegna gli elementi della narrativa regionale come l'ambiente sardo, il contenuto sociale, le tradizioni e i costumi sardi, il linguaggio...ecc -Nel secondo capitolo sono stati esaminati :la trama, i temi, i personaggi e la descrizione del paesaggio.

Laurea liv.I

Facoltà: Facoltà delle Lingue (Al Alsun)

Autore: Emad Rashed Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5096 click dal 25/09/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.