Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio di irretroattività nell'esecuzione della pena - L’art. 4-bis dell’ordinamento penitenziario

Il principio di irretroattività nell’esecuzione della pena.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione IX INTRODUZIONE Si è esattamente rilevato che: in un regime a costituzione rigida qual’è il nostro, è indispensabile tentare di delimitare con la massima precisione possibile l’ambito di applicazione delle norme costituzionali che impongono obblighi al legislatore, al fine di evitare che quest’ultimo si sottragga a quegli obblighi ricorrendo all’espediente di qualificare formalmente una determinata disciplina come estranea all’ambito di applicazione della norma costituzionale 1 . È il caso delle norme che disciplinano l’esecuzione penitenziaria. Ci si domanda infatti: “Il principio di irretroattività della legge penale, previsto ai sensi dell’art. 25, comma 2, Cost., trova applicazione anche rispetto alle norme che disciplinano l’esecuzione penitenziaria?”. In questo lavoro si cercherà di dare una risposta a tale quesito. Il percorso che si seguirà si articola in tre parti principali, in connessione tra loro. Dapprima verrà trattato l’aspetto riguardante la disciplina generale che nell’ordinamento giuridico italiano regola la successione delle leggi penali nel tempo, quindi il principio di irretroattività. L’argomento verrà affrontato, innanzitutto, attraverso una prima considerazione generale circa le garanzie e la ratio che assurgono a tale principio; successivamente, passando alla trattazione di quella che è la disciplina prevista a livello di normativa costituzionale e legislazione ordinaria. Questa prima parte si concluderà attraverso una panoramica di tutte quelle norme, anch’esse penali, che non rientrano all’interno dell’accezione comunemente utilizzata di norme penali sostanziali – riferendosi tale espressione a quelle disposizioni che creano reati e comminano sanzioni 1 FRANCESCO PALAZZO, Il principio di determinatezza nel diritto penale, Padova, 1979, pag. 191.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luca Dario Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 807 click dal 17/11/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.