Skip to content

Il GAP di produttività tra Stati Uniti ed Europa

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Mombelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Economia
  Corso: Commercio estero
  Relatore: Federica Origo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

La produttività e la sua evoluzione nel tempo sono indicatori fondamentali per valutare il potenziale di crescita di un paese nel medio- lungo periodo.
Un Paese per essere competitivo deve essere in grado di mantenere una crescita della produttività adeguata, così come deve riuscire a favorire una crescita sostenibile della produttività totale dei fattori.
A questo proposito, l’evidenza empirica disponibile per l’Europa e gli Stati Uniti mostra come questi ultimi abbiano spesso mostrato livelli nettamente superiori nei tassi di variazione della produttività rispetto alla maggior parte dei paesi europei (Italia inclusa).
La graduale divergenza nel dinamismo di queste due principali aree economiche è uno dei fenomeni economici più evidenti dell’ultimo decennio. Sebbene i due Continenti siano partiti, all’inizio del Diciannovesimo secolo, dagli stessi livelli di produttività, durante gli anni Novanta si è progressivamente aperto un divario a svantaggio dell’Europa, che si è molto accentuato a partire dal 2002. In quegli anni l’economia americana ha realizzato infatti un’ottima performance, con una forte crescita del Pil e con i maggiori guadagni di efficienza produttiva: il Pil è infatti cresciuto in media del 3.3 per cento l’anno, raggiungendo livelli superiori al 56 per cento rispetto ai valori di inizio anni Novanta. Non è stato questo il caso dell’Unione Europea a 15, in cui il Pil, tra il 1995 e il 2005, è aumentato del 26 per cento, circa venti punti percentuali in meno rispetto agli Stati Uniti.
Numerosi studi dedicati all’analisi dei differenziali di performance hanno messo in evidenza come questa lunga fase di bassa crescita sia riconducibile principalmente a problemi di natura strutturale. Ad esempio gli Stati Uniti, diversamente dalla maggior parte dei Paesi europei, hanno saputo adeguare il sistema economico alla diffusione e all’adozione delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, con una crescita significativa della produttività dei fattori. Nuovi prodotti, nuovi investimenti e nuove tecnologie si sono tradotti, per gli Stati Uniti, in guadagni di produttività e in incrementi di crescita economica.
I problemi di bassa potenzialità di crescita dell’Europa sono quindi dovuti a cause interne. Tra queste hanno inciso significativamente anche le riforme attuate nel mercato del lavoro in molti paesi europei, che hanno influito non solo sui livelli dell’occupazione, ma anche sulla composizione (portando in alcuni casi all’impiego di lavoratori marginalmente meno produttivi) con effetti nel complesso non positivi sull’andamento della produttività, soprattutto nel breve periodo.
Alla luce di queste considerazioni, questa tesi si propone di analizzare le principali tendenze di lungo periodo nella crescita della produttività in Europa e Stati Uniti, presentando una rassegna dei principali contributi che in letteratura socio-economica hanno indagato le cause sottostanti questi andamenti.
In particolare, dopo questo breve capitolo introduttivo, il secondo capitolo si concentra sull’evidenza empirica relativa agli andamenti della produttività negli ultimi decenni negli Stati Uniti e in Europa, con particolare attenzione all’evoluzione delle diverse componenti della produttività ed al caso italiano. Il capitolo successivo presenta quindi una rassegna critica dei principali (e più recenti) contributi della letteratura economica che hanno cercato di studiare le principali cause sottostanti gli andamenti osservati. Gli studi analizzati sono stati classificati in tre gruppi, a seconda del principale fattore indagato tra le cause del divergente gap di produttività tra Europa e Stati Uniti: i cambiamenti nella composizione settoriale delle due economie; il progresso tecnologico (soprattutto con riferimento alla progressiva diffusione delle tecnologie di informazione e comunicazione) ed i cambiamenti nella qualità dei fattori produttivi (particolarmente del lavoro). Le principali conclusioni dell’analisi ed alcune implicazioni di policy sono riassunte e discusse nell’ultimo capitolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE La produttivit e la sua evoluzione nel tempo sono indicatori fondamentali per valutare il potenziale di crescita di un paese nel medio- lungo periodo. Un Paese per essere competitivo deve essere in grado di mantenere una crescita della produttivit adeguata, cos come deve riuscire a fa vorire una crescita sostenibile della produttivit totale dei fattori. A questo proposito, l evidenza empirica disponibile per l Europa e gli Stati Uniti mostra come questi ultimi abbiano spesso mostrato livelli nettamente superiori nei tassi di variazione della produttivit rispetto alla maggior parte dei paesi europei (Italia inclusa). La graduale divergenza nel dinamismo di queste due principali aree economiche Ł uno dei fenomeni economici piø evidenti dell ultimo decennio. Sebbene i due Continenti siano partiti, all inizio del Diciannovesimo secolo, dagli stessi livelli di produttivit , durante gli anni Novanta si Ł progressivamente aperto un divario a svantaggio dell Europa, che si Ł molto accentuato a partire dal 2002. In quegli anni l economia americana ha realizzato infatti un ottima performance, con una forte crescita del Pil e con i maggiori guadagni di efficienza produttiva: il Pil Ł infatti cresciuto in media del 3.3 per cento l anno, raggiungendo livelli superiori al 56 per cento rispetto ai valori di inizio anni Novanta. Non Ł stato questo il caso dell Unione Europea a 15, in cui il Pil, tra il 1995 e il 2005, Ł aumentato del 26 per cento, circa venti punti percentuali in meno rispetto agli Stati Uniti. Numerosi studi dedicati all analisi dei differenziali di performance hanno messo in evidenza come questa lunga fase di bassa crescita sia riconducibile principalmente a problemi di natura strutturale. Ad esempio gli Stati Uniti, diversamente dalla maggior parte dei Paesi europei, hanno saputo adeguare il sistema economico alla diffusione e all adozione delle nuove tecnologie dell informazio ne e della comunicazione, con una crescita significativa della produttivit dei fatto ri. Nuovi prodotti, nuovi investimenti e nuove tecnologie si sono tradotti, per gli Stati Uniti, in guadagni di produttivit e in incrementi di crescita economica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crescita del pil
crescita produttività
produttività
produttività europa
produttività stati uniti
produttività usa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi