Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di mantenimento

Il contratto di mantenimento consiste in una pattuizione tra due soggetti in cui il sinallagma contrattuale si sviluppa come segue: da una parte – che chiameremo disponente – vi è una prestazione patrimoniale (in genere attribuzione del diritto di proprietà su un immobile), dall’altra – che chiameremo beneficiario – vi è una prestazione personale. Ed è in quest’ultima prestazione che si manifesta la diversità del contratto di mantenimento da tutti gli altri schemi contrattuali affini che il diritto conosce da sempre,come la rendita vitalizia o il vitalizio alimentare:nel contratto di mantenimento la controprestazione non è costituita soltanto da un "quantum" monetizzabile ma da un coacervo di prestazioni eminentemente spirituali che,come evidenzia la casistica giuriprudenziale esaminata,può consistere anche nella compagnia o nell'accompagnamento presso luoghi di cura o ricreativi.
La tesi si pone l'obiettivo di indagare la figura contrattuale in questione attraverso lo studio della casistica giurisprudenziale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo I IL CONTRATTO ATIPICO DI MANTENIMENTO: AMMISSIBILITÀ, NOZIONE E CARATTERISTICHE 1. Il negozio atipico: cenni storici e la questione della sua ammissibilità all’interno dell’ordinamento giuridico italiano Nel linguaggio giuridico moderno, l’espressione contratti atipici, per indicare le figure contrattuali che non sono espressamente previste e regolate dall’ordinamento giuridico, è proposta come alternativa alla formula contratti innominati, la cui paternità spetta alla Interpretatio dei Bizantini. Il diritto romano classico non conosceva una figura generale di contratto, ma aveva elaborato singoli contratti, ciascuno con un proprio nomen e tutelato da una omonima actio. La rigidità di questo sistema, a causa delle esigenze pratiche del commercio e della sentita necessità degli stipulanti di liberarsi dal pressante sistema formalistico, si andò attenuando col tempo. La Roma imperiale conobbe delle forme negoziali che, per il formalismo arcaico, sarebbero state impensabili.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valentina Fiorenza Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3070 click dal 29/09/2009.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.