Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Parco Verde di Caivano: edilizia popolare al servizio del degrado

La tesi che si sta per presentare parte dall’ipotesi di base per cui il Parco Verde di Caivano, che rappresenta l’esempio lampante di rione degrado, ovvero, piccolo quartiere periferico di provincia che presenta problematiche di vario genere quali criminalità, marginalità, disagio ed esclusione sociale, debba la sua situazione attuale allo scempio messo in essere dall’applicazione della legge n. 219 del 14 maggio del 1981.
La tesi farà emergere i danni che ha provocato tale legge in tutta la Campania, per poi concentrarsi sul Parco Verde, di cui poco si parla e poco si sa, e a tal proposito saranno indagate le reali condizioni in cui versa il rione (denominato rione perché troppo piccolo e degradato per essere considerato un quartiere).
La parte finale tratterà delle possibili politiche o iniziative di intervento sociale che non solo la politica, ma anche i sindacati le associazioni e i singoli cittadini mediante un impegno costante della società civile di Caivano, e non solo, potrebbero apportare a questo difficile angolo di Campania.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La tesi che si sta per presentare parte dall’ipotesi di base per cui il Parco Verde di Caivano, che rappresenta l’esempio lampante di rione degrado, ovvero, piccolo quartiere periferico di provincia che presenta problematiche di vario genere quali criminalità, marginalità, disagio ed esclusione sociale, debba la sua situazione attuale allo scempio messo in essere dall’applicazione della legge n. 219 del 14 maggio del 1981. La tesi farà emergere i danni che ha provocato tale legge in tutta la Campania, per poi concentrarsi sul Parco Verde, di cui poco si parla e poco si sa, e a tal proposito saranno indagate le reali condizioni in cui versa il rione (denominato rione perché troppo piccolo e degradato per essere considerato un quartiere). La parte finale tratterà delle possibili politiche o iniziative di intervento sociale che non solo la politica, ma anche i sindacati le associazioni e i singoli cittadini mediante un impegno costante della società civile di Caivano, e non solo, potrebbero apportare a questo difficile angolo di Campania. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Domenico Caiazza Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1046 click dal 30/09/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.