Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disturbi comportamentali, in soggetto con lesioni bitemporali, considerazioni sulla scrittura del paziente, prima e dopo il trauma

Il paziente analizzato ha subito un incidente, in seguito al quale ha riportato un trauma cranico chiuso, sottosposto a visita neurologica, Tac, e test SVARAD, all'interno della tesi viene illustrato il funzionamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Trauma Cranico Conseguenze Neuropsicologiche e Comportamentali Il trauma cranico può produrre conseguenze diverse a secondo dell’entità e della localizzazione del trauma stesso. Se ne distinguono essenzialmente due tipi: il trauma cranico aperto ed il trauma cranico chiuso, riguardo alla presenza o assenza, di comunicazione tra gli spazi sottodurali e l’ambiente esterno. Le conseguenze di un trauma cranico possono portare vari disturbi comportamentali, da attribuire ad una conseguenza diretta del trauma, in altre parole un’azione diretta sui circuiti monoaminergici (noradrenalina, serotonina, dopamina) i quali, sono in grado di regolare i vari parametri psichici . 1 La noradrenalina, la serotonina e la dopamina, sono neurotrasmettitori che attivano i recettori postsinaptici, per l’attenzione, ansia, irritabilità, umore, impulsività, funzioni 1 (Barnhill e Gualtieri,1989)

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Anna Zaccaria Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 736 click dal 30/09/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.