Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trattamento riabilitativo in paziente dopo ricostruzione in artroscopia della L.C.A. con tendine rotuleo

Il ginocchio è una delle articolazioni più complesse dell’organismo. Funziona nel rispetto di sofisticate leggi di anatomia e di biomeccanica e ciò lo rende eccezionalmente forte e nello stesso tempo molto delicato: basti pensare al lavoro svolto quotidianamente ed ai disagi derivati da una sua, anche minima, disfunzione. Proprio per questa sua contemporanea forza e nello stesso tempo delicatezza ho mostrato nel mio percorso universitario un particolare interesse per questa articolazione. Avendo una predisposizione particolare per il campo sportivo e in particolare calcistico e sperando un giorno di poter lavorare in questo settore, ho scelto di trattare come argomento “il trattamento riabilitativo della lesione del L.C.A. dopo ricostruzione in artroscopia con tendine rotuleo” essendo questa una delle tecniche più usate nei calciatori. In questa tesi, partiremo con l’illustrare l’anatomia del ginocchio, per poi passare alla fisiologia e alla cinesiologia e per arrivare al meccanismo traumatico che ci illustrerà in che modo si produce una lesione del L.C.A. e i relativi test da effettuare per avere una conferma della lesione. L’ultima parte comprende il trattamento chirurgico effettuato che ci spiegherà come avviene la ricostruzione del legamento danneggiato e il successivo trattamento riabilitativo.
Lo scopo della tesi è appunto quello di illustrare il trattamento riabilitativo che si effettua dopo un trattamento chirurgico su un paziente sportivo di 23 anni praticante calcio a livello dilettantistico. Questo paziente si è lesionato il L.c.a. durante una partita di calcio calciando a “vuoto” e quindi provocando un iperestensione violenta che ha lesionato il legamento.
La finalità del mio intervento sarà quella di recuperare l’escursione articolare completa, il recupero della forza muscolare e di portare il paziente alla ripresa dell’attività sportiva nel più breve tempo possibile. La tesi inoltre si compone di numerose fotografie a supporto dell'elaborato.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 I NTRODUZIONE Il ginocchio è una delle articolazioni più complesse dell’organismo. Funziona nel rispetto di sofisticate leggi di anatomia e di biomeccanica e ciò lo rende eccezionalmente forte e nello stesso tempo molto delicato: basti pensare al lavoro svolto quotidianamente ed ai disagi derivati da una sua, anche minima, disfunzione. Proprio per questa sua contemporanea forza e nello stesso tempo delicatezza ho mostrato nel mio percorso universitario un particolare interesse per questa articolazione. Avendo una predisposizione particolare per il campo sportivo e in particolare calcistico e sperando un giorno di poter lavorare in questo settore, ho scelto di trattare come argomento “il trattamento riabilitativo della lesione del L.C.A. dopo ricostruzione in artroscopia con tendine rotuleo” essendo questa una delle tecniche più usate nei calciatori. In questa tesi, partiremo con l’illustrare l’anatomia del ginocchio, per poi passare alla fisiologia e alla cinesiologia e per arrivare al meccanismo traumatico che ci illustrerà in che modo si produce una lesione del L.C.A. e i relativi test da effettuare per avere una conferma della lesione. L’ultima parte comprende il trattamento chirurgico effettuato che ci spiegherà come avviene la ricostruzione del legamento danneggiato e il successivo trattamento riabilitativo.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Nunzia Scalisi Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5116 click dal 01/10/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.